Comune di Piombino

Lettera dell'assessore alle Politiche Sociali Anna Tempestini sulla tragedia di Lampedusa

Seguici sulla nostra pagina Facebook Seguici sul canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter Seguici su Instagram
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Media bordo
Immagine Piombino
Logo Comune di Piombino
APEA Piombino
Piano Strutturale Val di Cornia
Riqualificazione Ambientale e Produttiva del Polo
Piombinopportunità
Amministrazione Trasparente
Scrivi al comune
Segnalazioni ERP
Protezione Civile
Allerta meteo
Alert System
banner qualità acqua
Rimozione forzata
banner bandiera blu 2016
Pulizia strade

Photogallery

Chiostro di Sant'Antimo
Archivio immagini
Notizie dal Comune
Home » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
media_bianco 4x4
lun 07 ott, 2013

Lettera dell'assessore alle Politiche Sociali Anna Tempestini sulla tragedia di Lampedusa

Le immagini che ci vengono da Lampedusa sono un pugno nello stomaco, una visione insopportabile per tutti noi.

E dietro quelle immagini il dramma di tante donne, uomini, bambini e tanti ragazzi, che fuggono da guerre, fame, dittature e che, nella consapevolezza dei rischi che li attendono, scelgono comunque la speranza di una vita migliore, oppure la morte.

Non è più il tempo delle riflessioni ma quello delle azioni; in un paese come il nostro, assediato dai problemi economici e sociali, questo dei migranti non è un problema residuale, qualcosa di cui non è urgente occuparsi.

Lo è senza dubbio per motivi umanitari: non possiamo più tollerare simili tragedie e pensiamo a quante avvengono senza che ne veniamo a conoscenza.
Lo è perché le migrazioni non si fermano solo con i pattugliamenti sulle coste ma con interventi di normalizzazione nei paesi dove da troppo tempo si consumano drammi inimmaginabili e verso i quali è necessaria l’attenzione dell’Europa e del mondo .

Lo è perché da troppo tempo si conoscono i traffici di esseri umani che alimentano un mercato di criminalità che si arricchisce sul dramma e sul dolore di tanti, cose che le associazioni umanitarie e i migranti che arrivano nel nostro paese denunciano da tempo.

E l’Italia della gente di Lampedusa che si prodiga nei soccorsi e nell’accoglienza e non può più sopportare il peso di uno stillicidio di tragedie e di sbarchi senza che ci sia un’idea di come si può affrontare sistematicamente il problema.

Questo nostro paese, su questo come su tanti altri problemi, ha perso tempo prezioso nell’insopportabile utilizzo strumentale delle paure e delle diffidenze della gente, soprattutto in una fase di difficoltà generale che spinge non verso l’apertura ma verso la difesa nei confronti degli altri e della minaccia al “nostro mondo”.

Ed è tempo di rivedere la legge Bossi Fini e di avvicinarsi all’Europa anche sul tema dei diritti, nella consapevolezza che la chiusura e le politiche di retroguardia ci fanno arretrare non solo sul piano della solidarietà diffusa, ma anche della capacità di crescita e questa è una grande responsabilità della classe dirigente diffusa che deve non parlare alla “pancia” ma elaborare strategie e diffondere messaggi di visione di futuro.

 

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

saharawi
lun 12 ago, 2019
Questa mattina il sindaco Francesco Ferrari insieme all’Assessore Gianluigi Palombi hanno ricevuto in sala consiliare i bambini provenienti dai campi profughi dei rifugiati saharawi nel deserto del Sahara, ospitati a Piombino grazie all’associazione ....
gio 18 lug, 2013
Calderoli non è nuovo a manifestazioni di chiaro razzismo, al di là delle giustificazioni o minimizzazioni che come sempre aggravano il problema. Non è l’uomo, che in quanto a valutazioni estetiche dovrebbe fare una riflessione, ....
gio 03 gen, 2013
Uffici elettorali al lavoro per gli adempimenti necessari allo svolgimento delle elezioni politiche del prossimo 24 e 25 febbraio 2013. In questa occasione particolari disposizioni sono riservate agli elettori residenti all’estero. Secondo la legislazione ....
- Inizio della pagina -

COMUNE DI PIOMBINO
Via Ferruccio, 4 - 57025 (Livorno) - Toscana - Tel. 0565/63111 - Fax 0565.63290 - P.IVA 00290280494 - IBAN IT 82 T 01030 70720 000004200020
Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali -  Posta Certificata: comunepiombino@postacert.toscana.it
Il portale del Comune di Piombino (LI) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Comune di Piombino è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it