Comune di Piombino

Newsletter Febbraio 2019

Seguici sulla nostra pagina Facebook Seguici sul canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter Seguici su Instagram
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Media bordo
Immagine Piombino
Logo Comune di Piombino
APEA Piombino
Piano Strutturale Val di Cornia
Riqualificazione Ambientale e Produttiva del Polo
Piombinopportunità
Amministrazione Trasparente
Scrivi al comune
Segnalazioni ERP
Protezione Civile
Allerta meteo
Alert System
banner qualità acqua
Rimozione forzata
banner bandiera blu 2016
Pulizia strade

Photogallery

Casa delle Bifore
Archivio immagini
Newsletter Febbraio 2019
Home » Documentazione » Newsletter PiombinOpportunità - Indice » Newsletter Febbraio 2019
media_bianco 4x4

piombino opportuntà immagine

Per richiedere l’iscrizione alla newletter PiombinOpportunità, scrivere alla casella di posta urp@comune.piombino.li.it

Newsletter PiombinOpportunità - Febbraio 2019 La newsletter raccoglie le principali notizie in tema di sviluppo economico individuate nel corso del mese di pubblicazione e di potenziale interesse per le imprese ed i cittadini che vogliono investire nel territorio.
La prima sezione della Newsletter è dedicata ai principali fatti di rilievo che interessano l’Amministrazione comunale ed il territorio avvenuti nel mese di riferimento.
Per consultare la RASSEGNA STAMPA del Comune è possibile collegarsi alla sezione del sito istituzionale aggiornata quotidianamente.
Notizie in tempo reale relative al Comune di Piombino possono essere reperite collegandosi alla pagina FACEBOOK dell’Amministrazione comunale, oppure ai canali TWITTER, INSTAGRAM o YOUTUBE.
Particolare attenzione è rivolta alle opportunità di finanziamento offerte dall’Unione Europea, dallo Stato e dalla Regione.
Per approfondimenti sull’offerta localizzativa e sugli strumenti di finanziamento attivi e per indicazioni sull’utilizzo degli stessi, è attivo un Info-Point dedicato presso il Comune di Piombino (0565-63352 - ufficioeuropa@comune.piombino.li.it). Inoltre è possibile consultare la sezione del sito dedicata al PRRI.

Per cancellare la tua iscrizione alla newsletter scrivi all'indirizzo ufficioeuropa@comune.piombino.li.it.

Notizie

IN EVIDENZA

Giuliani: il porto non può solo sopravvivere. Necessario garantire continuità con la progettualità messa in campo

Piattaforma online per le locazioni turistiche

Territorio, mare e città. Tre giornate di partecipazione sui temi strategici del nuovo piano strutturale di Campiglia Marittima e Piombino

Incontro al Mise su Aferpi, Si va avanti con demolizioni e bonificheVendita quote Rimateria. Per il Comune necessario rispettare la cessione delle quote a due diversi acquirenti

Al via la ricostruzione del Nano Verde alla Sterpaia Saranno direttamente i titolari a ricostruire il fabbricato andato distrutto di proprietà comunale

Ulteriori comunicati relativi al mese di FEBBRAIO sono consultabili alla sezione "Notizie dal Comune"


IN EVIDENZA

 

BORSA MERCATO DEL LAVORO A PIOMBINO

Giovedì 7 marzo si terrà a Piombino la Borsa Mercato del Lavoro organizzata dall’Ente Bilaterale del Turismo Toscana. La BML è un evento dedicato a chi cerca un’occupazione lavorativa nel mondo del turismo e mira a produrre un incontro diretto tra domanda e offerta.
DOVE: presso il Centro Giovani a Piombino, Viale della Resistenza, 4.
QUANDO: giovedì 7 marzo dalle 10 alle 14
E' possibile registrarsi gratuitamente al link BML Piombino 2019. Saranno presenti importanti aziende del settore turistico di Piombino e dei Comuni limitrofi in cerca di personale da assumere.

La partecipazione è gratuita.

FONDO DI GARANZIA PMI – nuova modalità
Il Ministero dello Sviluppo economico ha approvato il decreto con le nuove condizioni di ammissibilità al Fondo di Garanzia PMI, che si applicheranno dal prossimo 15 marzo.
Il Fondo di Garanzia può intervenire a favore delle PMI in due modi:
1) garanzia diretta, su richiesta dei soggetti finanziatori (anche in qualità di capofila di pool di soggetti finanziatori),
2) riassicurazione e controgaranzia, su richiesta dei soggetti garanti (anche in qualità di capofila di pool).
Fra le altre cose, le operazioni finanziarie ammissibili devono essere direttamente finalizzate all’attività di impresa, devono avere una durata stabilita e certa, non possono riguardare attività connesse all’esportazione, non devono essere deliberate da più di sei mesi.
La domanda si invia al gestore del fondo utilizzando l’apposita funzionalità del Portale FdG.
Maggiori informazioni: QUI

REDDITO DI CITTADINANZA PER LE IMPRESE
Ai datori di lavoro che comunicheranno sul sito del programma del RdC i posti di lavoro disponibili, sarà riconosciuto un incentivo in caso di assunzione, calcolato secondo le regole seguenti:
• per le assunzioni a tempo pieno e indeterminato di beneficiari del reddito, è riconosciuto uno sgravio contributivo di importo pari alla differenza tra 18 mensilità di RdC e quelle già godute dal beneficiario;
• il bonus spetterà soltanto qualora il lavoratore non venga licenziato senza giusta casa o giustificato motivo, pena la restituzione dell’importo maggiorato di sanzioni;
• l’importo non potrà essere inferiore a 5 mensilità.
Il datore di lavoro, contestualmente all’assunzione del beneficiario del reddito di cittadinanza dovrà stipulare presso il CPI un patto di formazione, nel quale si garantisce al beneficiario un percorso formativo o di riqualificazione professionale.
È necessario inoltre che il datore di lavoro realizzi un incremento netto del numero di dipendenti a tempo indeterminato.
L’importo del reddito di cittadinanza per le imprese che assumono verrà calcolato tenendo conto delle mensilità non fruite dal lavoratore, e sarà pari ad un minimo di 5 mesi (3.900 euro nel caso di assunzione di un beneficiario del reddito pieno, pari a 780 euro).
Maggiori dettagli all’interno del decreto n. 4 pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio 2019.

SPECIALE AGRICOLTURA

BANDO ISMEA: investimenti nel settore agroalimentare: bando aperto per la presentazione dei progetti
L'intervento consiste nell'erogazione di finanziamenti a tasso agevolato (pari al 30% del tasso di mercato) per investimenti compresi tra i 2 e i 20 milioni di euro.
I finanziamenti possono essere richiesti da società di capitali, anche in forma cooperativa, che operano nella produzione, nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e alimentari, nella distribuzione e nella logistica. Le risorse complessive sono 100 milioni di euro.
L'obiettivo è quello di rafforzare la competitività del settore agroalimentare favorendo la modernizzazione delle imprese attraverso l'innovazione tecnologica, lo sviluppo e la creazione di nuove strutture produttive, l'internazionalizzazione e la crescita delle esportazioni con lo sviluppo di piattaforme logistiche e distributive.
La Scadenza per la presentazione è fissata il 20 maggio 2019. Maggiori informazioni QUI
 
BANDO ISMEA: AUTOIMPRENDITORIALITÀ E RICAMBIO GENERAZIONALE IN AGRICOLTURA

L’obiettivo è quello di favorire il ricambio generazionale in agricoltura ed ampliare aziende agricole esistenti condotte da giovani, attraverso lo strumento del mutuo agevolato, a tasso zero, per un importo non superiore al 75 per cento delle spese ammissibili.
Il bando é rivolto alle micro, piccole e medie imprese agricole organizzate sotto forma di ditta individuale o di società, composte da giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni non compiuti, con i seguenti requisiti:
1. subentro: imprese agricole regolarmente costituite da non più di 6 mesi con sede operativa sul territorio nazionale, con azienda cedente attiva da almeno due anni, economicamente e finanziariamente sana;
2. ampliamento: imprese agricole attive e regolarmente costituite da almeno due anni, con sede operativa sul territorio nazionale, economicamente e finanziariamente sane
L’investimento complessivo del progetto non può superare 1.500.000 Euro, IVA esclusa.  Per maggiori informazioni QUI

PSR FEASR 2014-2020, CONTRIBUTI PER SERVIZI DI CONSULENZA IN AGRICOLTURA Il bando infatti é rivolto ad agricoltori (anche giovani agricoltori), silvicoltori e altri gestori del territorio e le Pmi insediate nelle zone rurali, che intendono ad avvalersi di servizi di consulenza.
Il contributo in conto capitale copre l’80% della spesa ammissibile a fronte della dimostrazione dell’avvenuto pagamento del restante 20% da parte del destinatario finale della consulenza. In ogni caso, l’importo dell’aiuto è limitato a euro 1.500 per consulenza.
Le domande possono essere presentate fino a venerdì 29 marzo 2019.
Per maggiori informazioni QUI 
 
PSR FEASR 2014-2020 SOTTOMISURA 8.3, INCENDI E CALAMITÀ NATURALI: CONTRIBUTI PER PREVENIRE I DANNI Il bando pubblicato dalla Regione Toscana mette a disposizione finanziamenti per la realizzazione di investimenti finalizzati alla creazione di infrastrutture di protezione e alle attività di prevenzione dagli incendi boschivi e dalle altre calamità naturali (tra cui fitopatie, infestazioni parassitarie, avversità atmosferiche e altri eventi catastrofici, anche dovuti al cambiamento climatico), al fine di preservare gli ecosistemi forestali, migliorarne la funzionalità e garantire la pubblica incolumità.
Si tratta di un contributo in conto capitale che copre il 100% dei costi ammissibili sostenuti per tutti gli investimenti, comprese le spese generali. Il contributo concedibile per soggetti privati é stabilito fino ad un massimo di 250.000,00 euro, mentre per beneficiari di diritto pubblico si prevede un contributo fino ad un massimo di 400.000,00 euro.
Il bando stabilisce la scadenza a giovedì 01 aprile 2019, alle ore 13.00.
Per maggiori informazioni  QUI

PSR FEASR 2014-2020 SOTTOMISURA 8.5, ECOSISTEMI FORESTALI: CONTRIBUTI PER AUMENTARE RESILIENZA E PREGIO AMBIENTALE.
Il bando prevede contributi per realizzare investimenti che mirano all'adempimento di impegni a scopi ambientali, all'offerta di servizi ecosistemici o alla valorizzazione in termini di pubblica utilità delle aree forestali e boschive della zona interessata o al rafforzamento della capacità degli ecosistemi di mitigare i cambiamenti climatici.
Si rivolge a privati, soggetti di diritto pubblico, gestori di usi civici, che siano proprietari, possessori, titolari della gestione di superfici forestali, anche collettive, singoli o associati e copre il 100% dei costi ammissibili.
La scadenza prevista è il 30 aprile alle ore 13.
Per maggiori informazioni QUI

SPECIALE – FORMAZIONE E LAVORO

BONUS OCCUPAZIONE GIOVANI ECCELLENZE
E’ un nuovo esonero contributivo (nel limite massimo di 8mila euro per ogni assunzione effettuata), destinato ai datori di lavoro privati che, a decorrere dal 1° gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2019, assumono con contratto subordinato a tempo indeterminato giovani laureati con il massimo dei voti o dottori di ricerca.
Nello specifico, l’esonero è riconosciuto per le assunzioni a tempo indeterminato che riguardano:
• a) cittadini in possesso della laurea magistrale, ottenuta dal 1° gennaio 2018 al 30 giugno 2019 con una votazione pari a 110 e lode entro la durata legale del corso di studi, prima del compimento del trentesimo anno di età, in università statali e non statali legalmente riconosciute, ad eccezione delle Università telematiche
• b) cittadini in possesso di un dottorato di ricerca, ottenuto dal 1° gennaio 2018 al 30 giugno 2019, prima del compimento del trentaquattresimo anno di età, in università statali e non statali legalmente riconosciute, ad eccezione delle Università telematiche.
L’esonero è riconosciuto, in misura proporzionalmente ridotta, anche per assunzioni a tempo parziale, purché con contratto subordinato di tipo indeterminato, e nei casi di trasformazione, avvenuta tra il 1° gennaio 2019 ed il 31 dicembre 2019, di un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato fermo restando il possesso dei requisiti previsti alla data della trasformazione.
Le modalità di fruizione saranno stabilite con apposita circolare dell’INPS.
NUOVO BANDO TIROCINI NON CURRICULARIIl bando prevede un contributo regionale, da 300 a 500 euro mensili, in favore di giovani tirocinanti non occupati di età compresa tra 18 e 29 anni, residenti o domiciliati in Toscana.
I destinatari del contributo regionale sono giovani di età compresa tra 18 e 29 anni (30 anni non compiuti) alla data di inizio del tirocinio,  in possesso di uno dei seguenti requisiti
Condizione di accesso n. 1) – Neodiplomati e neo laureati
Condizione di accesso n. 2) - Fuoriusciti dal sistema di istruzione formale
Condizione di accesso n. 3) Residenti in aree di crisi o aree interne
Condizione di accesso n. 4) – Giovani con disabilità o svantaggiati
Condizione di accesso n. 5) – Artigianato artistico e tradizionale
Condizione di accesso n. 6) – Giovani NEET
Il nuovo bando ha validità dal 1° dicembre 2018 ed è aperto fino ad esaurimento fondi.
Per maggiori informazioni QUI

LAVORARE ALL’ESTERO: BORSE DI MOBILITÀ PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI O INATTIVI L’intervento, finanziato grazie alle risorse del Fondo Sociale Europeo 2014-2020, attiva borse individuali di mobilità professionale (con un valore massimo di 5 mila euro) per svolgere un’esperienza lavorativa o di tirocinio in un paese dell’Unione Europea o dell’EFTA (Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein) diverso da quello di residenza.
Il bando è rivolto a disoccupati o inattivi senza limite d’età ed è attivo fino al 31 dicembre 2020.
Per maggiori informazioni QUI

VOUCHER PER GIOVANI PROFESSIONISTI UNDER 40 I voucher formativi individuali sono destinati a liberi professionisti under 40 al fine sostenere la formazione, in particolare quella dei più giovani che ancora non hanno una carriera avviata e quindi, non potendo contare su entrate cospicue, hanno difficoltà economiche ad assolvere all’obbligo di formazione o più in generale ad accedere ad opportunità di formazione utili ad attivare risorse funzionali all’adattamento e al rilancio, specie in momenti di crisi.
Il bando finanzia, attraverso voucher, la formazione individuale continua di giovani lavoratori autonomi intellettuali (professioni intellettuali di cui all’elenco regionale), utile ad accrescere le loro competenze e quindi la loro competitività professionale.
Le spese ammissibili sono esclusivamente quelle di iscrizione al percorso di formazione. Sono esclusi rimborsi di viaggio, vitto, alloggio, materiali didattici e qualsiasi altra spesa e il costo del percorso formativo per il quale si richiede il voucher deve essere di almeno 200 euro (Iva esclusa) ed un massimo di 3000 euro.
Per maggiori informazioni QUI
 
VOUCHER FORMATIVI INDIVIDUALI RIVOLTI A IMPRENDITORI E LIBERI PROFESSIONISTIQuesti voucher formativi sono riservati ad imprenditori e liberi professionisti che esercitano l’attività in forma associata o societaria, per la partecipazione a percorsi formativi tesi a favorire, rafforzare ed aggiornare le competenze necessarie per la gestione e la conduzione dell’azienda, in un’ottica di miglioramento delle scelte relative al management, per affrontare percorsi di innovazione tecnologica, organizzativa, gestionale, di processo/prodotto e dei modelli di business che consentano di cogliere le opportunità di crescita aziendale, per adottare nuovi modelli di organizzazione del lavoro e di gestione delle risorse umane.
È possibile richiedere il voucher per la frequenza di corsi di formazione e aggiornamento professionale (anche tramite e-learning) e per la frequenza di master di I o II livello in Italia e all’Estero.
Le spese ammissibili sono esclusivamente quelle di iscrizione al percorso formativo e sono esclusi rimborsi di viaggio, vitto, alloggio, materiali didattici e qualsiasi altra spesa. Non è ammissibile il finanziamento per la partecipazione ad attività di tipo seminariale o convegnistico.
Per maggiori informazioni QUI

VOUCHER FORMATIVI INDIVIDUALI DESTINATI A DISOCCUPATI + ASSEGNO DI RICOLLOCAZIONEL’avviso, che è riservato a soggetti disoccupati, prevede l’assegnazione di un contributo pubblico sottoforma di voucher per il rimborso totale o parziale delle spese di iscrizione a un corso di formazione professionale personalizzata, al fine di accrescere le competenze professionali e facilitare conseguentemente l’accesso al mondo del lavoro.
Sono destinatari del voucher formativo individuale i soggetti che si trovano nelle seguenti condizioni:

  • disoccupati, inoccupati, inattivi o soggetti fuoriusciti dai percorsi di lavori di pubblica utilità (LPU),  con o senza strumenti a sostegno del reddito, iscritti presso un  Centro per l’impiego della  Toscana (iscrizione non richiesta per gli inattivi);
  • iscritti allo stato di disoccupazione presso un Centro per l’impiego della Toscana ai sensi del D.Lgs 150/2015, che hanno sottoscritto il Patto di Servizio Personalizzato, di cui all’art 4 "destinatari" del DD 1854 del 14.02.2018 "Avviso pubblico per la realizzazione della sperimentazione regionale dell’Assegno per l’Assistenza alla ricollocazione nell’ambito del Piano Integrato per l’Occupazione"
  • residenti o domiciliati in un comune della regione Toscana. Se cittadini non comunitari, in possesso di regolare permesso di soggiorno che consente attività lavorativa
  • che hanno  compiuto i 18 anni di età
  • che hanno un reddito ISEE familiare fino  a euro 50.000,01

Per maggiori informazioni QUIFINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI REGIONALI

FOCUS "TOSCANA MUOVE"La piattaforma “Toscana Muove” mira a garantire una gestione semplice e veloce degli interventi agevolativi emessi dalla Regione Toscana a favore del sistema economico toscano.
Nella sezioni “bandi gestiti” le imprese possono consultare numerose agevolazioni mediante concessione di finanziamenti a tasso agevolato (fondi rotativi), concessione di garanzie a fronte di operazioni finanziarie (fondi di garanzia), concessione di contributi in c/interesse e in c/capitale legati a prestiti e garanzie.
I bandi aperti dal 20 settembre e “fino ad esaurimento risorse”, sono i seguenti:
CREAZIONE IMPRESA - MICROCREDITO
Microcredito a sostegno della nascita di nuove imprese giovanili, femminili e dei destinatari di ammortizzatori sociali nei settori manifatturiero, commercio turismo e terziario
FONDO DI MICROCREDITO
Microcredito a tasso zero per gli investimenti delle PMI artigiane, industriali manifatturiere, del settore turistico, commerciale, cultura e terziario con l’obiettivo di sostenere e incrementare gli investimenti nel territorio della Regione Toscana in macchinari, impianti e beni intangibili di accompagnamento nei processi di riorganizzazione e ristrutturazione in linea con la strategia della specializzazione intelligente per la Toscana.
FONDO ROTATIVO PER PRESTITI
Prestito a tasso zero per gli investimenti delle PMI artigiane, industriali manifatturiere, del settore turistico, commerciale, cultura e terziario con l’obiettivo di sostenere e incrementare gli investimenti nel territorio della Regione Toscana in macchinari, impianti e beni intangibili di accompagnamento nei processi di riorganizzazione e ristrutturazione.
Per maggiori informazioni QUI
 

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI NAZIONALI

IMPRENDITORIA FEMMINILES parla di finanziamenti per lo sviluppo dell’ imprenditoria femminile regolati da un Protocollo d’intesa tra il Ministero dello sviluppo economico, l’Associazione bancaria italiana (ABI) e le associazioni rappresentative e appena prorogato al 31 dicembre 2019.
Hanno aderito ad esso 36 banche, rappresentative del 39% degli sportelli del settore, con un plafond complessivo stanziato di circa 1,5 milioni di euro.
I prestiti per l’imprenditoria femminile sono messi a disposizione dal sistema bancario a condizioni particolarmente vantaggiose: la particolarità di questo tipo di finanziamento è che il tasso di interesse subisce un’ulteriore ribasso concesso dal Fondo di garanzia per le PMI, riservata alle imprese a prevalente partecipazione femminile e alle professioniste.
Ciascuna delle banche aderenti al protocollo mette a disposizione alle imprese femminili e delle lavoratrici autonome un plafond finanziario, diverso a seconda della necessità di finanziamento.
Per maggiori informazioni QUI
 
IPERAMMORTAMENTO
Si tratta della maggiorazione del costo di acquisizione per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese secondo il modello Industria 4.0.
Gli investimenti agevolabili devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2019, ovvero entro il 31 dicembre 2020 a condizione che entro la data del 31 dicembre 2019 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.
Non è più prevista invece la maggiorazione del costo unica (era del 150%).
Tale maggiorazione avrà un’intensità variabile, nella misura del:
• 170% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
• 100% per gli investimenti oltre 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro;
• 50% per gli investimenti oltre 10 milioni di euro e fino a 20 milioni di euro.
La maggiorazione non si applica invece sulla parte di investimenti complessivi eccedente il limite di 20 milioni di euro.
N.B.: NON è più prevista la possibilità del superammortamento, ovvero la deduzione extracontabile del 40% sugli investimenti.
Per maggiori informazioni QUI
NUOVA SABATINI
E’ previsto un rifinanziamento di 480 milioni di euro per la misura, e nello specifico: 48 milioni per il 2019, 96 milioni per ciascun anno dal 2020 al 2023 e altri 48 milioni di euro per il 2024. Lo sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi, grazie allo stanziamento di queste nuove risorse finanziarie, sarà riaperto a partire dal 7 febbraio 2019.
La misura sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali. Le agevolazioni consistono nella concessione da parte di banche e intermediari finanziari, aderenti all’Addendum alla convenzione tra il Ministero dello sviluppo economico, l’Associazione Bancaria Italiana e Cassa depositi e prestiti S.p.A., di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese per sostenere gli investimenti previsti dalla misura, nonché di un contributo da parte del Ministero dello sviluppo economico rapportato agli interessi sui predetti finanziamenti.
Per maggiori informazioni QUI

IRES AL 15% PER INCREMENTO OCCUPAZIONE
Un’ulteriore novità prevista dalla manovra 2019 è la riduzione dell’aliquota IRES al 15 per cento per la quota di utili accantonati a riserve - diverse da quelle che si considerano non disponibili - e reinvestiti in beni strumentali nuovi e per l’incremento dell’occupazione.
Nello specifico, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2018, si prevede una tassazione ridotta di nove punti percentuali del reddito complessivo netto dichiarato dalle società e dagli enti per la parte corrispondente agli utili del periodo d’imposta precedente reinvestiti per acquisire beni strumentali materiali nuovi o per assumere nuovo personale dipendente con contratto a tempo determinato o indeterminato.
BANDO ISI-INAIL - SICUREZZA SUL LAVOROSi tratta di incentivi in favore delle aziende virtuose che intendono realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori. Ma non solo. Il bando favorisce anche le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli. Si tratta della nona edizione promossa dall’istituto assicuratore, il quale stanzia 370 milioni di euro per questo nuovo bando.
In tal caso, l’incentivo riguarda l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti. L’obiettivo è quello di migliorare il rendimento e la sostenibilità dell’azienda agricola mediante una riduzione dei costi di produzione.
I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.
L’invio delle domande sarà online tramite codice identificativo e assegnazione delle risorse in base all’ordine cronologico di arrivo delle richieste. Per il giorno 11 aprile 2019 è fissata l’apertura della procedura informatica per la (pre)compilazione delle domande.
Il 6 giugno 2019 verrà poi trasmesso alle imprese che hanno superato la fase precedente il codice identificativo, necessario alla partecipazione al “click day” (che si terrà fra giugno e luglio 2019), con l’assegnazione effettiva dei finanziamenti.
Maggiori informazioni QUI

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO - GIOVANI UNDER 35 E DONNE DI TUTTE LE ETA’
La misura, gestita da Invitalia, prevede un finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro e può coprire fino al 75% delle spese totali ammissibili. Per il 25% residuo, si richiede il cofinanziamento da parte dell’impresa, con risorse proprie o mediante finanziamenti bancari.
La restituzione è in 8 anni a decorrere dall’erogazione dell’ultima quota a saldo del finanziamento concesso, in rate semestrali costanti posticipate, scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno.
L’agevolazione supporta la nascita di nuove micro e piccole imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età.
Sono finanziabili le iniziative per:
• produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli
• fornitura di servizi alle imprese e alle persone
• commercio di beni e servizi
• turismo
• Attività della filiera turistico-culturale
• Servizi per l’innovazione sociale.
Maggiori informazioni: QUI
 

 

LE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE AGEVOLAZIONI/FINANZIAMENTI CONTENUTE NEL PRESENTE DOCUMENTO HANNO SOLO CARATTERE INFORMATIVO. SI INVITANO GLI INTERESSATI A FARE ESCLUSIVO RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA UFFICIALE E ALLE FONTI UFFICIALI DI PUBBLICAZIONE DEGLI AVVISI DI FINANZIAMENTO ACCEDENDO AI LINK INDICATI.

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

COMUNE DI PIOMBINO
Via Ferruccio, 4 - 57025 (Livorno) - Toscana - Tel. 0565/63111 - Fax 0565.63290 - P.IVA 00290280494 - IBAN IT 82 T 01030 70720 000004200020
Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali -  Posta Certificata: comunepiombino@postacert.toscana.it
Il portale del Comune di Piombino (LI) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Comune di Piombino è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it