Comune di Piombino

Newsletter Aprile 2018

Seguici sulla nostra pagina Facebook Seguici sul canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter Seguici su Instagram
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Media bordo
Immagine Piombino
Logo Comune di Piombino
APEA Piombino
Riqualificazione Ambientale e Produttiva del Polo
Piombinopportunità
Amministrazione Trasparente
Scrivi al comune
banner regolamento urbanistico
Protezione Civile
Allerta meteo
Alert System
banner bandiera blu 2016
Pelagos Santuario dei cetacei
banner qualità acqua
Risparmio idrico
banner qualita acqua
Rimozione forzata
Pulizia strade

Photogallery

Chiostro di Sant'Antimo
Archivio immagini
Newsletter Aprile 2018
media_bianco 4x4

Newsletter PiombinOpportunità

 

Newsletter Piombino Opportunità

Per richiedere l’iscrizione alla newletter PiombinOpportunità, scrivere alla casella di posta urp@comune.piombino.li.it

Newsletter PiombinOpportunità - Aprile 2018

La newsletter raccoglie le principali notizie in tema di sviluppo economico individuate nel corso del mese di pubblicazione e di potenziale interesse per le imprese ed i cittadini che vogliono investire nel territorio.
 
La prima sezione della Newsletter è dedicata ai principali fatti di rilievo che interessano l’Amministrazione comunale ed il territorio avvenuti nel mese di riferimento.
 
Per consultare la RASSEGNA STAMPA del Comune è possibile collegarsi alla sezione del sito istituzionale aggiornata quotidianamente.
 
Notizie in tempo reale relative al Comune di Piombino possono essere reperite collegandosi alla pagina FACEBOOK dell’Amministrazione comunale, oppure ai canali TWITTER, INSTAGRAM o YOUTUBE.
 
Particolare attenzione è rivolta alle opportunità di finanziamento offerte dall’Unione Europea, dallo Stato e dalla Regione.

Per approfondimenti sull’offerta localizzativa e sugli strumenti di finanziamento attivi e per indicazioni sull’utilizzo degli stessi, è attivo un Info-Point dedicato presso il Comune di Piombino (0565-63377). Inoltre è possibile consultare la sezione del sito dedicata al PRRI.
 

Notizie

IN EVIDENZA
 
Rimateria: ripartono i lavori di risanamento e i conferimenti sotto l'egida del Noe Giuliani: "ben riposta la fiducia nella magistratura"
 
“La magistratura ha capito che le nostre ragioni erano fondate – afferma il sindaco Giuliani – e ha disposto la ripresa dei lavori iniziati e i conferimenti, così come avevamo richiesto”.
Il sindaco di Piombino Massimo Giuliani interviene a seguito del provvedimento emesso nei confronti di Rimateria, a cui erano stati posti i sigilli il 21 marzo scorso.
“La nostra fiducia nella magistratura è stata pertanto doppiamente ben riposta, il Gip ha preso questa decisione su argomentazione dello stesso pubblico ministero che aveva ordinato il sequestro, avallando totalmente le nostre ragioni. Ha vinto pertanto la giusta considerazione che tornando al lavoro si dà la possibilità di risanare, altrimenti si rischia di peggiorare ulteriormente la situazione. Per uscire da questa situazione sono stati fondamentali volontà e progettualità.
Un'altra notizia positiva, che accogliamo con grande piacere, è il fatto che la discarica potrà riprendere il lavoro avviato sotto il controllo del Noe. I lavori saranno pertanto certificati e monitorati dalla polizia giudiziaria, a ulteriore garanzia per tutti i cittadini della correttezza delle attività che saranno svolte.”
 
La discussione su Rimateria in consiglio comunale Fissata l'udienza per il riesame per il 3 maggio
 
Rimateria al centro del consiglio comunale tematico che si è svolto durante la giornata di martedì 17 aprile, richiesto dalle forze politiche e che ha messo insieme i dirigenti dell'azienda, Legambiente, le Rsu e i lavoratori, i cittadini di Colmata.
Una discussione molto ampia, che ha toccato gli aspetti ambientali, occupazionali, finanziari ed economici in rapporto al contesto locale.
E nel corso del consiglio è arrivata anche la notizia, comunicata dal presidente di Rimateria Valerio Caramassi, che il Tribunale ha fissato l'udienza per il riesame della questione per il prossimo 3 maggio.
Nella sua introduzione il sindaco Giuliani ha parlato della necessità di guardare avanti, affrontando la questione in prospettiva senza limitarsi unicamento a vedere cosa è successo in passato.
Consulta il testo integrale
 
 
Variante al Regolamento Urbanistico. Al via un programma di incontri di informazione e partecipazione
 
Modifiche al Regolamento urbanistico per rilanciare la città. A seguito della campagna d'ascolto promossa nel settembre/ottobre 2016 e rivolta alla cittadinanza, ai professionisti e agli operatori economici, l'amministrazione comunale, assessorato all'urbanistica, ha elaborato una variante di adeguamento al RU che recepisce tutta una serie di modifiche e di miglioramenti per promuovere gli investimenti, favorire interventi di recupero e di riconversione del patrimonio edilizio esistente, attuare interventi di trasformazione già previsti nell'attuale strumento di pianificazione.
Per condividere i contenuti della Variante con le diverse categorie interessate e con tutti i cittadini, è stato promosso un calendario di incontri, ai quali saranno presenti l'assessore all'urbanistica Carla Maestrini e i tecnici del settore, che accompagneranno la definizione del procedimento fino alla sua adozione in consiglio comunale prevista per la fine di maggio.
 
 
Un tavolo di concertazione con le associazioni di categoria per il governo del territorio
 
Un accordo locale con le associazioni commerciali e imprenditoriali per garantire un'effettiva ed efficace partecipazione al processo di definizione delle fondamentali scelte programmatiche del Comune.
Amministrazione comunale, Confesercenti, Confcommercio. CNA, Confindustria Livorno Massa Carrara hanno firmato recentemente un protocollo tramite il quale discutere e ricercare convergenze utili sugli atti della programmazione comunale che possono avere effetti sulla rete commerciale.
"Si tratta di un obiettivo sul quale ci siamo confrontati più volte – affermano con una dichiarazione congiunta i rappresentanti delle associazioni coinvolte - frutto anch'esso di un percorso di concertazione. Il protocollo recepisce alcuni aspetti importanti e individua strumenti e percorsi utili al raggiungimento di effetti positivi per le aziende rappresentate."
Consulta il testo integrale
 
 
Incontro di approfondimento in Comune con Jindal e Aferpi
 
Un incontro di approfondimento operativo, annunciato già durante la riunione del 6 aprile scorso al ministero dello sviluppo economico a Roma, per assumere informazioni sulle previsioni urbanistiche del Comune, sulle questioni ambientali, sui piani di sviluppo comunali e per verificarne la coerenza con il prossimo piano industriale di Jindal [...]. Nel corso della riunione il gruppo siderurgico ha acquisito informazioni e dettagli sulla programmazione urbanistica e sulla variante per la pianificazione delle aree industriali e per la reindustrializzazione, sulle questioni ambientali anche in merito alle operazioni di mitigazione ambientale che dovranno essere messe a punto.
 
 
Torna Orti e Giardini, la fiera del verde e dei fiori in città
 
A Piombino l’appuntamento più “green” dell’anno a cura di Riolab con il patrocinio del Comune di Piombino: da venerdì 13 a domenica 15 aprile le strade cittadine sono state colorate da un’invasione di piante e fiori in occasione della “Fiera Orto & Giardino”. Più di 30 stand provenienti da tutta Italia hanno trovato posto nelle vie del centro cittadino.
 
 
Conad e modifiche al Regolamento Urbanistico. Due varianti per il rilancio della città
 
Pianificazione urbanistica e rilancio dell’economia. Incontro positivo si è svolto il 5 aprile in Comune con le associazioni di categoria, Confesercenti, Confcommercio, Cna, per condividere le scelte strategiche dell’amministrazione. Un momento di confronto costruttivo, convocato dal vicesindaco e assessore allo sviluppo economico Stefano Ferrini e dell’assessore all’urbanistica Carla Maestrini, su due procedimenti importanti che interesseranno la città nei prossimi mesi. Il tavolo è stato infatti l’occasione per una prima presentazione di due varianti urbanistiche che probabilmente verranno portate in adozione in consiglio comunale alla fine di maggio, da sviluppare parallelamente attraverso un percorso di incontri e di confronti con soggetti interessati e con la cittadinanza.
Consulta il testo integrale
 

4° RALLY "COLLINE METALLIFERE" : AL VIA CON 62 ISCRITTI

La quarta edizione della gara, svolta il 7 e 8 aprile, ha riproproposto le Prove Speciali presentate lo scorso anno, strade che appartengono alla storia nazionale delle corse su strada [...].
Riproposto il Memorial Leo Tucci, che ha di nuovo previsto un montepremi.
Consulta il testo integrale

 
Evocando. Nuovo appuntamento il 7 e l'8 aprile in via Lombroso
 
Si è svolto sabato 7 e domenica 8 aprile il nuovo appuntamento nel centro di Piombino con "Evocando", per proseguire il viaggio tra gli oggetti dei tempi andati e la fantasia del presente [...] l'artigianato locale con stand, banchetti, oggettistica, antiquariato e molto altro ancora. Questa volta l'iniziativa ha cambiato sede spostandosi in via Lombroso, perché negli stessi giorni si è tenuto in Corso Italia il rally delle Colline Metallifere e della Val di Cornia.
 
Inaugurazione dei nuovi percorsi nell'area dell'acropoli del Parco archeologico di Baratti e Populonia
 
L’inaugurazione è stata aperta dai saluti delle autorità: a fare gli onori di casa il Presidente della Società Parchi Val di Cornia, Francesco Ghizzani Marcìa, che ha sottolineato l’importante opera fatta negli anni di restituzione del patrimonio archeologico al pubblico “Come archeologo ho capito che il nostro mestiere non è solo riportare alla luce reperti archeologici ma anche farli parlare in modo da diffondere la conoscenza storica ad un pubblico sempre più vasto. Questi primi importanti interventi che stiamo svelando al pubblico nella giornata di oggi e ieri al Museo archeologico di Cittadella a Piombino, sono stati resi possibili grazie al finanziamento di ALES – Arte Lavoro e servizi S.p.A. e sono parte di un progetto di valorizzazione e promozione ben più ampio e complesso che si protrarrà nei prossimi anni per rendere sempre più vicina all’utente la fruizione dei tanti ed importanti reperti storici qui conservati.”


Bandi per finanziamenti nazionali e regionali attualmente attivi

IN EVIDENZA

BANDO INTERNAZIONALIZZAZIONE 2018: DAL 23 APRILE DISPONIBILI FINANZIAMENTI FESR PER L’ACQUISTO DI SERVIZI A SUPPORTO DELL’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI

Con il presente bando la Regione Toscana concede agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale, anche nella forma di voucher (limitatamente alle spese rivolte a fornitori nazionali), a valere sui fondi FESR 2014-2020 in regime “de minimis”.Il massimale di investimento finanziabile varia a seconda della tipologia di beneficiario (micro, piccola, media impresa, Consorzio/Soc.consortile/Reti-soggetto, RTI/ATI, ATS ”Reti-contratto”). La dotazione finanziaria a disposizione del Bando è pari ad € 8.500.000,00 così ripartiti:

  1. aiuti export MPMI manifatturiero € 6.195.750,04
  2. aiuti alla promozione sui mercati esteri del sistema dell’offerta turistica € 2.304.249,96
La presentazione delle domande di aiuto sarà possibile a partire dalle ore 10:00 del 23.04.2018 e fino ad esaurimento delle risorse definite nel Piano finanziario incrementate del 10%.
L’esaurimento delle risorse sarà comunicato tempestivamente a mezzo avviso pubblicato sul portale di Sviluppo Toscana (consulta  QUI)
 

MINISTERO POLITICHE AGRICOLE: APERTO NUOVO BANDO CHE ASSEGNA 700 MILA EURO PER FINANZIARE PROGETTI INNOVATIVI CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha indetto una selezione nazionale per il finanziamento di progetti innovativi finalizzati alla limitazione degli sprechi e all'impiego delle eccedenze alimentari.
Il bando (di cui al Decreto direttoriale prot. 1916 del 29/03/2018) prevede uno stanziamento di 700 mila euro. Per ciascun progetto è previsto un finanziamento massimo di 50 mila euro. I progetti potranno essere presentati entro le ore 16.00 del 10 maggio 2018.
I progetti, anche integrati, di rete o di servizio civile nazionale, devono presentare le caratteristiche specificamente elencate all’art. 3 del bando di selezione; non sono comunque ammesse le seguenti tipologie di progetti:
a. progetti o applicazioni informatiche inerenti esclusivamente l’attività di marketing, comunicazione, di formazione, di educazione, di sensibilizzazione, di divulgazione a imprese, consumatori, cittadini o studenti;
b. progetti inerenti osservatori, studi, ricerche, indagini sui dati riguardanti lo spreco alimentare, le eccedenze o i recuperi.
I progetti saranno valutati in base alla loro innovatività, applicabilità, classi di prodotti e platea interessati, essere integrati o di rete, prevedere una quota di cofinanziamento a carico del proponente, esperienza del proponente, orientamento al recupero delle eccedenze ai fini dell'alimentazione umana e, in particolare, alla distribuzione agli indigenti, eventuali forme di pubblicità.
Possono presentare domanda di finanziamento:
a. enti pubblici, università, organismi di diritto pubblico e soggetti a prevalente partecipazione pubblica;
b. associazioni, fondazioni, consorzi, società, anche in forma cooperativa e imprese individuali;
c. una aggregazione, nelle forme consentite dalla vigente normativa, anche temporanea o nella forma di start up, di due o più dei soggetti sopra individuati;
d. una rete di imprese, come definita dalla normativa vigente;
e. soggetti iscritti all'Albo nazionale ed agli Albi delle Regioni e delle Province autonome dell'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile.
Per maggiori informazioni:QUI
 
 
FACTORYMPRESA TURISMO, AL VIA LA PRIMA SFIDA SULL'INNOVAZIONE DEL TURISMO NELLE TOP DESTINATION ITALIANE – domanda entro il 7 maggio 2018
L'innovazione del turismo nelle top destination italiane è il tema della prima sfida del 2018 lanciata nell’ambito di FactorYmpresa Turismo, il programma promosso dal Ministero dei Beni culturali e gestito da Invitalia, che sostiene e premia le idee di business innovative nella filiera turistica.
Una full immersion di 36 ore che vedrà coinvolti i team imprenditoriali che passeranno la prima fase di valutazione e che si vogliono mettere in gioco con idee di business in grado di innovare e rendere sostenibile il turismo nelle grandi destinazioni italiane. Durante l’evento, gli startupper lavoreranno insieme a tutor e mentor per accelerare lo sviluppo dei progetti in grado di innovare la gestione del turismo nelle grandi città.
Smart City, Mobilità e Accoglienza, i temi sui quali verrà chiesto agli innovatori di lavorare per elaborare proposte in grado di creare valore in una prospettiva di business.
Per partecipare all’Accelerathon è necessario presentare la propria candidatura dal 30 marzo 2018 fino alle 12.00 del 7 maggio 2018.
Saranno selezionati i 20 migliori progetti, che il 17 e 18 maggio si sfideranno sotto il profilo della qualità e del tasso di innovazione.
Una giuria nominata dal Ministero dei Beni culturali e da Invitalia premierà le 10 migliori startup con un sostegno finanziario: ciascuna di esse riceverà una somma di 10.000 euro da utilizzare per lo sviluppo del progetto imprenditoriale.
Per maggiori informazioni: QUI
 

PROGETTO BLUECONNECT: PUBBLICATO IL BANDO RIVOLTO A PMI APPARTENENTI AI SETTORI DIPORTO&YACHTING, CROCIERE&TRAGHETTI E LOGISTICA
Il progetto, finanziato nell’ambito del programma di cooperazione Interreg Marittimo 2014-2020, mira a rafforzare il tessuto imprenditoriale delle micro, piccole e medie imprese, nell’ambito dei tre settori d’attività portuale: nautica di diporto e yachting, logistica, crociere e traghetti.
Il voucher da 5.000,00 euro permette di finanziare lo sviluppo di servizi ad alto valore innovativo e tecnologico. Tale servizio, di una durata massima di 6 mesi, dovrà esser realizzato da un fornitore esterno, referenziato nel Repertorio BlueConnect.
Quali sono i criteri di ammissibilità per la ricezione di un voucher per l’innovazione?
Essere una PMI nel senso europeo del termine;
Avere la propria sede legale in uno dei territori della zona di cooperazione (Sardegna, Liguria, Corsica, Toscana - cinque province della costa Toscana, Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto-, PACA);
Sviluppare una soluzione innovativa (prodotto, processo, servizio) nel settore portuale e più specificamente in una delle 3 aree interessate dal progetto: nautica da diporto e yachting, logistica o crociere e traghetti;
Rispettare la Disciplina sugli aiuti in de minimis;
Possedere requisiti di solidità e sostenibilità economico-finanziaria.
La PMI che desideri ottenere un voucher nel quadro del presente Bando del progetto BlueConnect dovrà compilare il modulo di domanda in francese o italiano al massimo entro il 15/05/2018, 17:00 CET. Ogni richiesta sarà confermata al destinatario tramite e-mail di avvenuta ricezione.
Per maggiori informazioni: QUI
 

FONDO EFFICIENZA ENERGETICA
Si tratta di un fondo rotativo che per i prossimi tre anni, fornirà una serie di agevolazioni a imprese e amministrazioni pubbliche sotto forma di garanzie su singole operazioni di finanziamento o prestiti a tassi agevolati.
Saranno finanziati interventi di risparmio energetico per imprese e Pubblica Amministrazione (PA), come la riduzione dei consumi di energia nei processi industriali, la realizzazione e l’ampliamento di reti per il teleriscaldamento, la riqualificazione energetica degli edifici.
Le tipologie di intervento incentivate per le imprese sono articolate nel modo seguente: miglioramento dell’efficienza energetica di processi, di servizi ed edifici, all’installazione o potenziamento di impianti per il teleriscaldamento/teleraffrescamento.
La gestione del Fondo sarà affidata ad Invitalia e, per l’avvio della fase operativa, il Fondo potrà contare su 150 milioni di euro già resi disponibili dal Mise.
L'ammissione alle agevolazioni del Fondo avviene sulla base della presentazione per via telematica, prima della data di inizio dei lavori, della domanda redatta secondo gli schemi, le modalità e gli ulteriori parametri economico-finanziari e requisiti minimi di accesso, proposti da Invitalia entro 60 giorni dall'entrata in vigore del decreto MISE (pubblicato il 07 marzo 2018) che istituisce il Fondo in oggetto.
Per maggiori informazioni: QUI
 

BANDO ISI INAIL
Il bando ha l’obiettivo di incentivare le imprese a migliorare i livelli di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché di incentivare le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli all’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti e in concomitanza conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico.
La dotazione finanziaria complessiva per il territorio toscano è di 16.241.828,00 euro.
Il finanziamento è concesso sotto forma di contributo in conto capitale.
È possibile presentare domanda a partire dalla data del 19 aprile 2018 e inderogabilmente fino alle ore 18:00 del giorno 31 maggio 2018.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
SPECIALE AGRICOLTURA
AGEVOLAZIONI PER L’INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA
ISMEA attraverso il Bando denominato “Agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura” si pone l’obiettivo di sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda, mediante l’erogazione di un contributo in conto interessi.
Per le operazioni fondiarie localizzate nelle regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta, Veneto, Lazio, Marche, Toscana e Umbria la dotazione finanziaria è pari a euro 35.000.000,00;
La partecipazione al bando è riservata ai giovani che intendono insediarsi per la prima volta in un'azienda agricola in qualità di capo azienda e che, alla data di presentazione della domanda, risultano in possesso, a pena di esclusione, dei seguenti requisiti:
a. età compresa tra i 18 anni compiuti e i 41 anni non compiuti;
b. cittadinanza in uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
c. residenza nel territorio della Repubblica Italiana;
d. possesso di adeguate conoscenze e competenze professionali, oppure impegno ad acquisirle entro 36 mesi dalla data di adozione della determinazione di ammissione alle agevolazioni.
Le operazioni fondiarie del presente Bando si realizzano attraverso l’acquisto a cancello aperto (con esclusione quindi delle scorte vive e morte) della struttura fondiaria agricola e la sua successiva vendita, con patto di riservato dominio.
L’importo richiesto per l’operazione, a pena di esclusione, deve essere compreso tra 250.000 euro (soglia minima) e 2.000.000 di euro (soglia massima).
La domanda potrà essere presentata a partire dalle ore 12,00 del giorno 28 marzo 2018, data di apertura dello sportello telematico, fino alle ore 12,00 del giorno 11 maggio 2018.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
BANDO PIF - PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA FORESTALE: CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO
Il Bando, promosso dalla Regione Toscana, finanzia produttori forestali primari, le imprese di utilizzazione forestale, le imprese di trasformazione e di commercializzazione, enti pubblici, ecc., che si aggregano in un progetto di gruppo per sviluppare la filiera forestale (escluso la castagna).
È possibile ricevere un contributo a fondo perduto fino ad un massimo di 1.500.000 euro per progetto.
La dotazione finanziaria complessiva del bando è di 7.890.000 di euro.
Le domande possono essere presentate a partire dal 15 gennaio e fino alle ore 13 del 29 giugno 2018.
Maggiori informazioni: QUI
n.b. : il 4 maggio 2018 alle ore 9,30 a Figline Valdarno (FI), presso il Palazzo Pretorio, piazza San Francesco d'Assisi 14, la Regione Toscana organizza un incontro territoriale, rivolto alle imprese locali, rappresentanze sindacali, organizzazioni di produttori, tecnici e consulenti per presentare le opportunità del bando.
 

AVVISO CONTRATTI DI FILIERA E CONTRATTI DI DISTRETTO, FINANZIAMENTI PER I PROGRAMMI DI INTERVENTO
L’avviso disciplina le modalità e l’entità dei finanziamenti ed agevolazioni di competenza del Ministero delle Politiche Agricole, per l’attuazione dei contratti di filiera e di distretto.
Si tratta di un finanziamento composto, concesso nella forma del contributo in conto capitale e del finanziamento agevolato.
La procedura è a sportello e può essere attivata da soggetti proponenti e beneficiari regolarmente iscritti al registro delle imprese che abbiamo sottoscritto un accordo o contratto di filiera o distretto.
L’entità del contributo varia a seconda della tipologia di impresa (PMI o grande impresa) e a seconda della localizzazione dell’intervento (regioni meno sviluppate o altre regioni).
Sono ammessi alle agevolazioni i Contratti di filiera e Contratti di distretto il cui importo complessivo degli investimenti ammissibili sia compreso tra 4 e 50 milioni di euro, mentre l’importo per singolo beneficiario è fissato in 400.000 euro e a 100.000 nel caso l’investimento sia effettuato da sole PMI.
Il finanziamento agevolato è concesso ad un tasso di interesse dello 0,5% e la durata dello stesso è di minimo 4 anni e massimo 15.
La data di apertura del bando è prorogata alle ore 10.00 del 29 gennaio 2018. Le domande pervenute saranno valutate secondo l'ordine cronologico di ricevimento della PEC al server del Ministero.
Per maggiori informazioni: QUI
 

SPECIALE – FORMAZIONE E LAVORO

INDUSTRIA 4.0, VOUCHER FORMATIVI PER MANAGER DI AZIENDA
Bando della Regione Toscana rivolto a manager delle imprese private, o comunque a prevalente capitale privato, intesi quali dirigenti/quadri d'azienda. Il voucher finanzia corsi di formazione sui temi di Industria 4.0, come tecnologie digitali e digitalizzazione dell'impresa, con un importo massimo di euro 2.500,00, iva inclusa. Il costo minimo del percorso formativo oggetto del voucher deve essere di almeno € 200,00, iva esclusa. Nel periodo di validità dell'avviso, il richiedente potrà beneficiare di un solo voucher. Il bando ha scadenze trimestrali e la prossima scadenza è prevista per il 02 luglio 2018.
Per maggiori informazioni: QUI
 

FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE STRATEGICA NELLE FILIERE MODA, NAUTICA E LOGISTICA, ICT, CHIMICA E FARMACEUTICA, MULTIFILIERA E PER LA RICONVERSIONE PROFESSIONALE
La Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, promuove sei avvisi pubblici per la concessione di finanziamenti destinati a progetti formativi strategici, a valere sulle filiere produttive toscane e uno a valere sulla riconversione professionale.
In particolare, sono 5 bandi per la presentazione di progetti formativi strategici relativi alle filiere: “Moda”, “Nautica e Logistica”, “ICT”, “Chimica e Farmaceutica” e “Multifiliera (che comprende le filiere Agribusiness, Marmo, Meccanica ed Energia, Turismo e Cultura, Trasversale)” e 1 bando per progetti formativi strategici relativi alla “Riconversione professionale”, in riferimento alle Aree di Attività delle Figure di “Tecnico” e/o di “Responsabile” (vedi Repertorio regionale delle figure professionali) e finalizzati al conseguimento di un certificato di competenze.
I bandi regionali sono rivolti ad Associazioni temporanee di impresa o di scopo (ATI/ATS), costituite o da costituire a finanziamento approvato, a favore di inattivi, inoccupati e disoccupati, per la realizzazione di progetti di formazione strategica nelle filiere sopraindicate.
Le domande di finanziamento devono pervenire entro e non oltre la data del 15 giugno 2018.
Per maggiori informazioni: QUI 
 

FINANZIAMENTI PER CORSI DI FORMAZIONE RIVOLTI A GIOVANI NEET
Gli interventi di formazione finanziati dal bando della Regione Toscana sono in favore di giovani Neet (Not in Education, Employment, or Training), di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che non sono iscritti a scuola né all'università, che non lavorano e che non seguono corsi di formazione o aggiornamento professionale, già registrati al Programma Garanzia Giovani e che al momento dell'avvio del corso siano ancora in possesso dei requisiti di accesso al Programma.
Possono presentare i progetti e la domanda di finanziamento:
  • Agenzie Formative, Università, Scuole di Alta specializzazione
  • altri Enti comunque accreditati dalla Regione Toscana per l'erogazione di servizi formativi.
I progetti potranno essere presentati ed attuati da un singolo soggetto oppure da una associazione temporanea di imprese o di scopo (ATI/ATS), costituita o da costituire a finanziamento approvato.
Il bando ha un budget finanziario di 500 mila. Per ciascun giovane è previsto un tetto massimo di 4 mila euro.
Le domande di finanziamento, i progetti e tutta la documentazione allegata devono essere presentati al settore "Programmazione in materia di IeFP, apprendistato, tirocini, formazione continua, territoriale e individuale. Uffici regionali di Grosseto e Livorno" della Regione Toscana, a partire dal 5 aprile 2018.
Il bando è "a sportello" sino ad esaurimento delle risorse e coerentemente alla durata di validità del bando.
Per maggiori informazioni: QUI
 

ANPAL: ARRIVA L’INCENTIVO “OCCUPAZIONE NEET” PER FAVORIRE L’OCCUPAZIONE DEI RAGAZZI DAI 16 AI 29 ANNI NON INSERITI IN UN PERCORSO DI STUDI O FORMAZIONE
L’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), al fine di favorire il miglioramento dei livelli occupazionali dei giovani dai 16 ai 29 anni di età che non siano inseriti in un percorso di studio o formazione, ha disciplinato l’incentivo “Occupazione NEET”.
L’incentivo spetta per l’assunzione di giovani aderenti al “Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani” (in breve “Programma Garanzia Giovani”) a condizione che, se di età inferiore a 18 anni, abbiano assolto al diritto dovere all’istruzione e formazione. Possono registrarsi al Programma i giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni cosiddetti NEET – Not [engaged in] Education, Employment or Training, cioè non inseriti in un percorso di studi o formazione.
L’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro – con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL – per un importo massimo di 8.060,00 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile per dodici mensilità e fruibile, a pena di decadenza, entro il termine del 29 febbraio 2020. L’INPS interviene con la circolare n. 48 del 19 marzo 2018 sulle modalità applicative del bonus.
Per maggiori informazioni: QUI
 

FINANZIAMENTI PER SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO
La Regione Toscana ha approvato il bando Servizi di accompagnamento al lavoro per persone svantaggiate, al fine di contribuire al miglioramento dell'occupabilità delle persone vulnerabili e consolidare il sistema territoriale dei servizi per l'accompagnamento al lavoro in favore di persone svantaggiate in carico ai servizi socio-sanitari del territorio.
Il bando è cofinanziato dal Programma operativo regionale (Por) del Fondo sociale europeo (Fse) 204-2020.
I progetti dovranno essere presentati ed attuati da una Associazione Temporanea di Scopo (ATS costituita o da costituire a progetto approvato) cui potranno far parte i soggetti pubblici e privati che operano nel recupero socio-lavorativo di soggetti svantaggiati. L'Ente pubblico che svolge le funzioni programmazione e gestione dei servizi e che ha la titolarità della presa in carico delle tipologie di destinatari previste dall'avviso, dovrà essere obbligatoriamente presente nella ATS.
Per ogni inserimento effettivo è previsto l'importo di Euro 2500.
La proposta progettuale e la relativa domanda di finanziamento dovranno pervenire al Settore "Innovazione Sociale" entro e non oltre le ore 24:00 del 14 maggio 2018.
Per maggiori informazioni: QUI
 

VOUCHER FORMATIVI PER DISOCCUPATI, INOCCUPATI E INATTIVI CON DISABILITÀ
La Regione Toscana ha approvato il bando per il finanziamento di voucher formativi rivolti a soggetti disoccupati, inoccupati, inattivi con disabilità ai sensi dell'art. 1 della Legge 68/1999".
Sono destinatari del voucher formativo i soggetti residenti o domiciliati in un comune della Regione Toscana o, se cittadini non comunitari, in possesso di regolare permesso di soggiorno.
La domanda di finanziamento può essere presentata a partire dal 15 febbraio 2018 fino ad esaurimento risorse, con scadenze bimestrali.
L'importo massimo finanziabile per ciascun voucher formativo è:
a) corsi di qualifica, certificazione di competenze, e percorsi formativi di durata superiore a 110 ore fino a 6.000 euro
b) corsi dovuti per legge e percorsi formativi di durata fino a 110 ore fino a 1.000 euro.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
VOUCHER FORMATIVI PER PROFESSIONISTI OVER 40
La Regione Toscana ha approvato il bando per la concessione di voucher formativi rivolti a professionisti over 40.
Il Voucher prevede il rimborso delle spese di iscrizione (minimo 200 euro e massimo 3.000 euro) per corsi di formazione e di aggiornamento professionale, per l'ultima annualità delle Scuole di specializzazione, per master di I e II livello in Italia e all'estero. Domande online a scadenze trimestrali, fino ad esaurimento risorse.
Prossime scadenze: 30 aprile 2018; 31 luglio 2018; 31 ottobre 2018.
Per maggiori informazioni: QUI
 

INCENTIVO PER L’OCCUPAZIONE GIOVANILE STABILE
La legge di bilancio 2018 ha introdotto un nuovo incentivo strutturale all’occupazione per i datori di lavoro privati che, a partire dal 1° gennaio 2018, assumeranno, con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, lavoratori di età inferiore a 30 anni (limitatamente al 2018 il limite di età è innalzato a 35 anni) che non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altri datori di lavoro.
L’incentivo consiste nell’esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, per un periodo massimo di 36 mesi, nel limite di 3.000 euro annui, riparametrati e applicati su base mensile.
È, inoltre, previsto l’esonero totale dai contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, per le assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, di studenti che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro:
- attività di alternanza scuola-lavoro per almeno il 30% delle ore di alternanza previste dai rispettivi programmi formativi;
- periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore ovvero periodi di apprendistato di alta formazione e ricerca.
Per maggiori informazioni: QUI
 

TIROCINI NON CURRICULARI GIOVANISI
A partire dal 1° settembre è possibile presentare domanda per accedere ai contributi regionali per tirocini non curriculari.
I contributi sono concessi a giovani under 29 (30 anni non compiuti al momento dell’avvio del tirocinio) che abbiano le seguenti caratteristiche:
- Tirocinanti residenti o domiciliati in Toscana a non più di 12 mesi dal conseguimento del titolo di studio
-Tirocinanti residenti o domiciliati in Toscana fuoriusciti dal sistema di istruzione formale prima del conseguimento del titolo di studio
- Tirocinanti residenti o domiciliati in una delle aree di crisi industriale complessa della Toscana.
Tale contributo ammonta a:
1) 300 euro mensili nel caso di tirocini svolti da giovani nella fascia d'età 18-29 anni;
2) 500 euro mensili nel caso di tirocini svolti da giovani disabili o svantaggiati, di cui all'articolo 17 ter comma 8 della legge regionale 32/2002, nella fascia d'età 18-29 anni;
3) 500 euro mensili nel caso di tirocini svolti da giovani nella fascia d'età 18-29 anni presso un'impresa artigiana che operi nel settore delle lavorazioni artistiche e tradizionali.
Le domande dovranno essere presentate online e saranno accolte a sportello fino ad esaurimento delle risorse.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
VOUCHER FORMATIVI PER GIOVANI PROFESSIONISTI UNDER 40
Possono presentare domanda i giovani lavoratori autonomi delle professioni intellettuali in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:
  • non aver compiuto 40 anni d'età
  • essere residenti o domiciliati in Toscana
  • essere in possesso di partita Iva
  • avere una delle seguenti iscrizioni a) iscrizione ad albi di ordini e collegi; b) iscrizione ad associazioni di cui alla legge n. 4/2013 "Disposizioni in materia di professioni non organizzate" e/o alla legge regionale n.73/2008 "Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali"; c) iscrizione alla Gestione Separata dell'INPS.
Il bando consente di fare domanda di voucher per la copertura totale o parziale delle spese di iscrizione per la frequenza delle seguenti attività formative: a) corsi di formazione e di aggiornamento professionale anche in modalità e-learning; b) Master di I e II livello in Italia o in altro paese appartenente all'Unione Europea.
Il contributo concesso va da un minimo di 300 ad un massimo di 2500 euro.
La prossima scadenza è il 30 giugno 2018. Le scadenze successive saranno trimestrali fino ad esaurimento risorse.
++ NOVITA’++ A breve la Regione opererà una modifica al regolamento e tra le novità previste vi sarà che potranno presentare domanda anche i prestatori d’opera intellettuale che esercitano professioni non ordinistiche.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
VOUCHER INDIVIDUALI E I VOUCHER DI RICOLLOCAZIONE NEL MERCATO DEL LAVORO
Nuova formula per i voucher formativi regionali articolati in due tipologie: i voucher formativi di ricollocazione e i voucher individuali.
I voucher formativi di ricollocazione TIPOLOGIA - A sono destinati a:
- disoccupati percettori o che sono stati percettori di assegno sociale per l’impiego, la cui condizione di disoccupato supera i 4 mesi;
- disoccupati dalla data del 1° maggio 2015 e che siano stati fruitori o che abbiano fruito successivamente a tale data dell’assegno di mobilità e il cui status di disoccupato eccede i 4 mesi.
I voucher formativi individuali TIPOLOGIA – B sono destinati a:
- disoccupati, inoccupati, inattivi, fuoriusciti dai percorsi LPU.
Entrambe le misure coprono i costi di frequenza a corsi di formazione volti a conseguire qualifiche professionali o percorsi di certificazione delle competenze o frequenza a corsi dovuti per legge (esclusi quelli di pronto soccorso).
I massimali di copertura sono stati aumentati e così fissati:
- fino a 3000 euro per corsi di formazioni volti a conseguire una qualifica professionale;
- fino a 500 euro per percorsi di certificazione delle competenze
- fino a 250 euro per corsi dovuti per legge.
Il bando ha scadenza bimestrale, la successiva scadenza, fino ad esaurimento delle risorse è stabilita al 10 maggio 2018.
Per maggiori informazioni: QUI


BORSE DI STUDIO DELLA REGIONE TOSCANA PER CHI VUOLE FARE UN’ESPERIENZA LAVORATIVA ALL’ESTERO
Nell’ambito del potenziamento della rete europea della mobilità professionale (EURES) la Regione Toscana mette a disposizione risorse per finanziare, fino ad un massimo di 5.000 euro, la mobilità professionale transnazionale di soggetti disoccupati o inoccupati, attraverso un’esperienza lavorativa (lavoro/apprendistato) o di tirocinio in un paese Ue o EFTA (Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein) diverso da quello di residenza.
La borsa di inserimento lavorativo potrà essere erogata per un numero di mensilità da un minimo di 3 a un massimo di 6 e in relazione alla durata del contratto di lavoro/apprendistato/tirocinio.
Le risorse totali stanziate per la misura sono 4 ml di euro.
Le domande di finanziamento possono essere presentate a partire dal giorno successivo alla data di
pubblicazione dell'Avviso sul BURT e fino al 31/12/2020.
Per maggiori informazioni: QUI
 

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI REGIONALI
BANDO INNOVAZIONE A PER IL SOSTEGNO ALL'ACQUISIZIONE DI SERVIZI DI AUDIT I 4.0
Il bando, finanziato con fondi FESR della Regione Toscana, promuove la realizzazione di progetti di investimento in attività di innovazione delle PMI nell’ambito delle seguenti priorità tecnologiche:
-ICT e FOTONICA
-FABBRICA INTELLIGENTE
-CHIMICA e NANOTECNOLOGIA
L’intervento sostiene in particolare progetti finalizzati all’acquisizione di servizi per l’innovazione compresi nella tipologia A1 (“Servizi di Audit assessment del potenziale”) del Catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le imprese toscane.
L’aiuto è concesso sotto forma di agevolazioni in conto capitale ed erogati, di norma, nella forma di voucher.
La durata massima dei progetti è pari a sei mesi con le seguenti intensità di agevolazione:
Microimpresa: investimento ammissibile tra 5.000,00 e 7.500,00 euro; agevolazione 60%;
Piccola: investimento ammissibile tra 5.000,00 e 12.500,00 euro; agevolazione 50%;
Media: investimento ammissibile tra 5.000,00 e 20.000,00 euro; agevolazione 40%.
La domanda potrà essere presentata a partire dalle ore 09,00 del 03/04/2018 fino ad esaurimento delle risorse definite nel Piano finanziario incrementate del 10%.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
*** N.B BANDO INNOVAZIONE B - SOSTEGNO A PROGETTI INNOVATIVI STRATEGICI O SPERIMENTALI – SOSPENSIONE TEMPORANEA***
Si rende noto che in attuazione delle decisioni assunte dalla G.R. con deliberazione 277 del 20.03.2018, il Decreto Dirigenziale n. 4829 del 03.04.2018 ha disposto la sospensione, a decorrere dalle ore 23.59 del 15.04.2018, della presentazione delle domande a valere sul Bando Innovazione B, approvato con D.D. n 11430/2016 e s.m.i. Si invitano i potenziali interessati a consultare quotidianamente il sito web di Sviluppo Toscaba SPA, al fine di conoscere aggiornamenti in merito al termine della sospensione decretata.
Per maggiori informazioni: QUI
 

PREMI PER CONSERVARE RAZZE ANIMALI A RISCHIO ESTINZIONE
Il bando ha lo scopo di erogare all'allevatore un premio / uba / anno che varia, a seconda della razza animale, tra 200 ed un massimo di 500 euro, per 5 anni.
La domanda di aiuto può essere presentata a partire dal 4 aprile ed entro il 15 maggio 2018, impiegando esclusivamente, mediante procedura informatizzata, la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell'anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da Artea e raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it.
I soggetti ammessi a presentare la domanda di aiuto e beneficiari del sostegno sono gli agricoltori ai sensi dell'articolo 2135 "imprenditore agricolo" del codice civile.
Per maggiori informazioni: QUI
 

MICROCREDITO A TASSO ZERO PER INVESTIMENTI IN NUOVE TECNOLOGIE
Il bando ha lo scopo di sostenere e incrementare in Toscana gli investimenti in nuove tecnologie le imprese in macchinari, impianti e beni intangibili di accompagnamento nei processi di riorganizzazione e ristrutturazione.
L’agevolazione concessa è sotto forma di micro-credito a tasso zero non supportato da garanzie patrimoniali e personali.
Gli investimenti devono necessariamente riferirsi agli ambiti tecnologici della Strategia di specializzazione intelligente per la Toscana (RIS3) con le seguenti priorità tecnologiche:
- fabbrica intelligente
- ICT e fotonica
- chimica e nanotecnologie
Gli investimenti, inoltre, possono riferirsi alle strategie nazionali e regionali di Industria 4.0.
ll costo totale ammissibile del progetto presentato a valere sul presente bando non deve essere inferiore a 10 mila euro e superiore a 40 mila euro.
È possibile presentare domanda a partire dalle ore 9 del 18 settembre 2017 fino ad esaurimento risorse. Il bando ha una dotazione complessiva di 10 ml di euro.
Per maggiori informazioni: QUI
 

FONDO PER IL MICROCREDITO
Possono partecipare micro, piccole e medie imprese, nonché professionisti, in forma singola o associata, costituiti da almeno 2 anni precedenti la data di presentazione della domanda di accesso al fondo.
È possibile presentare progetti di importo non inferiore a 10.000 e superiore a 40.000 euro.
Il bando ha una dotazione finanziaria complessiva di 10 ml di euro ed è possibile presentare domanda a partire dal 18 settembre 2017.
Per maggiori informazioni: QUI
 

FONDO ROTATIVO PER PRESTITI
È possibile presentare domanda a partire dal 10 luglio 2017 e possono partecipare micro, piccole e medie imprese, nonché professionisti, in forma singola o associata.
Le imprese e i professionisti devono essere costituiti da almeno 2 anni precedenti la data di presentazione della domanda di accesso al fondo.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
AGEVOLAZIONI PER LA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA INNOVATIVA
Il bando ha l’obiettivo di supportare la costituzione e il consolidamento di imprese innovative, così come sono definite dall’avviso.
Possono partecipare:
- micro e piccole costituite da non più di 3 anni,
- persone fisiche che intendono creare nuova impresa
- Fab-Lab
La misura concede un finanziamento agevolato a tasso zero non supportato da garanzie personali e/o patrimoniali pari all’80% dell’investimento.
L’investimento totale non deve essere inferiore a 35.000 e superiore a 200.000 euro.
A seguito delle ultime graduatorie approvate sono ancora disponibili circa 2 ml di euro.
Per maggiori informazioni: QUI
 

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER INVESTIMENTI STRATEGICI E SPERIMENTALI
Bando a sportello, aperto fino ad esaurimento risorse, rivolto a micro e piccole e medie imprese, in forma aggregata o associata, dei settori manifatturiero, turismo, commercio e terziario. Il bando finanzia l'acquisizione di servizi innovativi indicati nel Catalogo regionale dei servizi avanzati e qualificati.
Il bando è teso a favorire l'attività di innovazione delle imprese attraverso la concessione di sovvenzioni erogate nella forma di voucher, investimenti strategici e sperimentali.
Possono essere presentate domande online a partire dal 1 dicembre 2016 fino ad esaurimento risorse. Le graduatorie sono periodiche con scadenza semestrale: 31 marzo e 30 settembre di ogni anno.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
FONDI DI GARANZIA
Sono aperte le domande per avere accesso ai fondi di garanzia per varie categorie di soggetti.
In particolare sono ancora attivi i fondi di garanzia per anticipi CIGS e anticipi stipendi, lavoratori dipendenti con contratti a termine, giovani professionisti e le professioni, investimenti in energie rinnovabili.
Le garanzie sono rilasciata a favore dei soggetti finanziatori per un importo massimo garantito non che va dal 100% all’80% di ciascuna operazione finanziaria.
Per maggiori informazioni: QUI
 

***N.B. SOSTEGNO AD ATTIVITÀ DIMOSTRATIVE E AZIONI DI INFORMAZIONE IN AGRICOLTURA: INTEGRAZIONE DELLE RISORSE DISPONIBILI PER FINANZIARE LE DOMANDE DI AIUTO AMMISSIBILI***
Il bando PSR, finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale ai Beneficiari che intendano realizzare interventi di trasferimento dell'innovazione (destinate agli addetti del settore agricolo, agroalimentare e forestale, gestori del territorio operanti in zone rurali), è stato integrato con aggiuntive risorse finanziarie pari a 690.089,80 euro, passando da 2.000.000,00 euro ad 2.690.089,80 euro, al fine di consentire il finanziamento di tutte le domande di aiuto ritenute ammissibili.
Per maggiori informazioni: QUI


FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI NAZIONALI
BANDO GRANDI PROGETTI R&S A VALERE SULLE RISORSE DEL FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA
Si tratta di un fondo rotativo istituito dal Ministero dello Sviluppo Economico volto a finanziare due tipologie di interventi in favore delle imprese:
- interventi in favore di grandi progetti di ricerca e sviluppo nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione elettroniche e per l'attuazione dell’Agenda digitale italiana;
- interventi in favore di grandi progetti di ricerca e sviluppo nell'ambito di specifiche tematiche rilevanti per “l’industria sostenibile”.
Il contributo verrà erogato fino ad un massimo dell’80% sotto forma di finanziamento a medio-lungo termine è così composto:
- finanziamento a medio-lungo termine concesso dalla CDP al soggetto beneficiario per le spese oggetto della domanda di agevolazione a valere sulle risorse del FRI (tra il 50 e il 70%);
- finanziamento bancario a medio lungo termine concesso dalla Banca finanziatrice al soggetto beneficiario dell’agevolazione (di minimo il 10%).
Una parte di agevolazione in conto capitale è concesso sotto forma di contributo diretto alla spesa ammissibile ed è pari ad un massimo del 15% per la piccola e media impresa e del 10% per la grande impresa.
Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni i progetti di ricerca e sviluppo devono:
a) prevedere spese ammissibili non inferiori a euro 5.000.000,00 e non superiori a euro 40.000.000,00;
b) essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni.
Per maggiori informazioni: QUI
 

BANDO PER LE IMPRESE SOCIALI, DOMANDE A PARTIRE DAL 7 DI NOVEMBRE
Con decreto ministeriale 3 luglio 2015 è stato istituito un regime di aiuto volto a sostenere la nascita e la crescita delle imprese operanti, in tutto il territorio nazionale, per il perseguimento delle finalità di utilità sociale e degli interessi generali.
Beneficiari delle agevolazioni potranno essere le seguenti tipologie di imprese:
-imprese sociali costituite in forma di società, di cui al decreto legislativo n. 155/2006 e successive modifiche
- cooperative sociali e relativi consorzi, di cui alla legge n. 381/1991
- società cooperative aventi qualifica di ONLUS ai sensi del decreto legislativo n. 460/1997
L’agevolazione è concessa sotto forma di finanziamento a tasso agevolato, tale finanziamento, che potrà coprire al massimo l’80% del programma di investimento e dovrà essere composto da un finanziamento bancario a tasso di mercato (pari al 30%) e dal finanziamento agevolato ad un tasso dello 0,5% annuo (pari al restante 70%). A questo potrà essere aggiunta una quota di finanziamento a fondo perduto pari ad un massimo del 5% delle spese ammissibili, per programmi di investimento con spese ammissibili non superiori a 3 milioni di euro.
Sono ammessi programmi di investimento non inferiori a 200.000 euro e non superiori a 10.000.000 di euro.
Le spese ammissibili sono quelle relative all’acquisto di beni e servizi necessari alla realizzazione del programma di investimento, tra cui: acquisto di suolo aziendale e sue sistemazioni (nella misura massima del 10%); fabbricati, opere edili, murarie e ristrutturazioni; macchinari, impianti ed attrezzature; programmi informatici; brevetti e licenze; formazione specialistica per i soci; finanziamenti per servizi di accompagnamento al lavoro consulenze; oneri per le concessioni edilizie; spese per certificati ambientali e di qualità; spese generali (nella misura massima del 20%).
Il programma di investimento deve concludersi entro 36 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento; la durata del finanziamento non può essere superiore a 15 anni e dovrà essere restituito in rate semestrali.
La domanda può essere presentata a partire dal 7 novembre 2017 inviando gli appositi moduli via PEC reperibili sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.
Per maggiori informazioni: QUI
 

BANDO “NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO”
Con un’apposita Circolare del MISE, sono state previste modalità di accesso alle agevolazioni più ampie.
Le novità riguardano in primo luogo la possibilità di presentare garanzie reali anche su beni immobili non facenti parte del programma di investimento per il quale si richiede l’agevolazione. Ciò vale per i programmi che prevedono l’acquisto, oppure la costruzione o la ristrutturazione di beni immobili.
La circolare introduce poi una novità che riguarda i soggetti legittimati a rilasciare le garanzie fidejussorie, che potrà essere rilasciata oltre che dalle banche e dalle compagnie di assicurazione anche dagli intermediari finanziari iscritti nell’albo di cui all’art. 106 del TUB.
Queste novità si applicano non solo alle domande che saranno presentate ma anche a quelle in corso di valutazione.
La misura, gestita da Invitalia, prevede un finanziamento a tasso zero di progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro e può coprire fino al 75% delle spese totali ammissibili. Per il 25% residuo, si richiede il cofinanziamento da parte dell’impresa, con risorse proprie o mediante finanziamenti bancari.
L’agevolazione supporta la nascita di nuove micro e piccole imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età. Sono finanziabili le iniziative per:
  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • commercio di beni e servizi
  • turismo

Per maggiori informazioni: QUI

 

BANDO SMART AND START
È stato rifinanziato con ulteriori 95 ml di euro per il biennio 2017-2018, il bando Smart and Start, gestito dall’agenzia del Mise Invitalia.
Smart&Start Italia sostiene la nascita e la crescita delle start-up innovative ad alto contenuto tecnologico per stimolare una nuova cultura imprenditoriale legata all’economia digitale, per valorizzare i risultati della ricerca scientifica e tecnologica.
Possono presentare domanda, sia start up innovative già costituite, sia team di persone fisiche che intendono costituire una nuova start up.
L’agevolazione consiste in un mutuo senza interessi fino ad un massimo dell’80’% della spesa ammissibile.
Sono ammessi a valutazione progetti di investimento tra i 100.000 e 1,5 ml di euro.
La misura è aperta fino ad esaurimento risorse, le domande vengono valutate secondo l’ordine cronologico di arrivo.
Per maggiori informazioni: QUI

LEGGE FINANZIARIA 2018: ALCUNE OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESEIPERAMMORTAMENTO E SUPERAMMORTAMENTO
 
 
ALTRI FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI
CONTRIBUTI DELLA BANCA D’ITALIA
I contributi finanziari della Banca assistono in via preferenziale le attività concernenti:
A) la ricerca, la cultura e l’educazione in campi affini alle funzioni istituzionali (economia,
moneta, credito, finanza).
B) la ricerca scientifica, la promozione culturale, la formazione giovanile e scolastica, fra cui
rilevano:
B1) ricerca scientifica e innovazione tecnologica
B2) attività di accademie e istituzioni culturali di primario rango operanti a livello nazionale nella
promozione e nel sostegno della cultura umanistica, storica e scientifica
B3) promozione a livello nazionale della qualità della formazione giovanile e scolastica;
C) beneficenza, solidarietà e pubblico interesse.
È necessario che le richieste siano accompagnate da un piano illustrativo volto a definire con precisione e attendibilità il progetto da realizzare; il piano dovrà essere corredato di preventivi di spesa, nonché di documenti che attestino la presenza di una fonte di finanziamento ulteriore, esterna al soggetto proponente.
Non possono essere destinatari dei contributi le persone fisiche, gli enti e le società con finalità di lucro e i soggetti ed organismi che costituiscono emanazione di formazioni politiche o sindacali. Gli enti territoriali possono ricevere contributi solo per iniziative di carattere straordinario e di particolare utilità sociale.
Le richieste dovranno pervenire agli Uffici della Banca d’Italia (Servizio Segreteria particolare del Direttorio e comunicazione, Divisione Rapporti istituzionali, via Nazionale 91, 00184 Roma). Le domande potranno essere inviate anche tramite pec, all’indirizzo spa@pec.bancaditalia.it.
Le istanze pervenute dal 1° luglio al 31 agosto sono istruite e decise entro il mese di dicembre.
Per maggiori informazioni: QUI
 

BANDO NAZIONALE: "CINEPERIFERIE"
Il progetto “CINEPERIFERIE” promuove il finanziamento di progetti culturali che contribuiscono alla conoscenza dei paesaggi periferici in Italia per valorizzarne le culture. Sono previste due le linee di finanziamento: la prima per la realizzazione di rassegne cinematografiche nelle aree caratterizzate da situazioni di marginalità economica e sociale sui temi della periferia e che coinvolgano le comunità residenti; la seconda per la produzione di cortometraggi a carattere documentaristico. Le risorse impegnate ammontano a 200 mila euro, per un massimo di 15mila euro per ogni progetto di rassegna e 25mila euro per la realizzazione di cortometraggi, e comunque in entrambe le linee di finanziamento per una copertura non superiore all’80% del budget totale. I destinatari del bando sono: enti pubblici e privati senza scopo di lucro, università, fondazioni, comitati ed associazioni culturali e di categoria, organismi professionali del settore cinematografico e audiovisivo. L’avviso è promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane – DGAAP e la Direzione Generale del Cinema DGC. Per partecipare al bando è necessario registrarsi sul sito www.doc.beniculturali.it dal 20 marzo 2018 ed entro le ore 12 del 18 maggio 2018.
Per maggiori informazioni: QUI
 
“PIANO NAZIONALE DEL CINEMA PER LA SCUOLA” PROMOSSO DAL MIUR E DAL MIBACT: PUBBLICATI TRE BANDI
La procedura selettiva è diretta alle istituzioni scolastiche ed educative di ogni ordine e grado, statali o paritarie, singole o organizzate in reti di scuole in collaborazione con Enti pubblici e privati, università ed enti di ricerca, istituti dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, fondazioni, comitati e associazioni culturali e di categoria.
Sono finanziate le migliori proposte per le azioni del Piano Nazionale Cinema per la Scuola orientate alla promozione della didattica del linguaggio cinematografico e audiovisivo e all’acquisizione di strumenti e metodi di analisi che favoriscano la conoscenza della grammatica delle immagini e la consapevolezza della natura e della specificità del loro funzionamento, anche al fine di utilizzare l’opera cinematografica quale strumento educativo trasversale all’interno dei percorsi curriculari.
Tre i Bandi disponibili:
1)Bando“Cinema per la Scuola – I progetti delle e per le scuole” con scadenza ore 12.00 del 21 maggio 2018
2) Bando “Cinema per la Scuola – Piano di Comunicazione e Piattaforma Web” con scadenza ore 12.00 del 7 maggio 2018
3) Bando “Buone Pratiche, Rassegne e Festival” con scadenza ore 12 del 28 maggio 2018
Maggiori informazioni QUI
 
PC INTERREG MARITTIMO: PUBBLICATO IL III AVVISO
Il terzo Avviso del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia- Francia "Marittimo" 2014-2020, è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana in data 18/04/2018 (Supp. N. 66 alla parte III).
L’Avviso è indirizzato a Organismi pubblici, Organismi di diritto pubblico, Organismi privati purché dotati di personalità giuridica, Organismi internazionali localizzati nei territori dei due Stati membri del Programma.
L'Avviso, con un budget disponibile pari a 42.259.316,37 euro, riguarda l'asse 2, rivolto alla valorizzazione delle risorse naturali e culturali e gestione dei rischi, e l'asse 4, finalizzato alla promozione delle opportunità di lavoro sostenibile e di qualità e di inserimento attraverso l'attività economica.
Le tematiche previste nel bando: prevenzione rischio incendi; sicurezza in mare e nei porti; conservazione, protezione e sviluppo del patrimonio naturale e culturale; reti transfrontaliere dei servizi per l'impiego; mobilità transfrontaliera degli studenti.
ll Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2014-2020, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), interessa cinque regioni di due Stati membri (Italia e Francia): Sardegna, Liguria, Toscana,Corsica e Provence-Alpes-Cote d’Azur.
Il partenariato di progetto deve prevedere partner appartenenti ai due Stati membri che fanno parte del Programma.
Il termine per presentare le candidature è stabilito fino alle ore 18.00 del 17 luglio 2018.
Per maggiori informazioni consultare il sito ufficiale: QUI
 

LIFE (2014-2020): AVVISO 2018
La Commissione Europea ha pubblicato il 18 aprile 2018 l’Invito a presentare proposte (Call for proposals) per l’annualità in corso per le diverse tipologie di progetti dei due sottoprogrammi di LIFE: il Sottoprogramma Ambiente e il Sottoprogramma Azione per il Clima.
I candidati possono rientrare in tre diverse categorie di beneficiari: 1) enti pubblici; 2) aziende private; 3) organizzazioni non a scopo di lucro, comprese le ONG.
La scadenza per la presentazione della descrizione di massima (Concept note) è stabilita al 12 giugno 2018, ore 16.00.
Per maggiori informazioni: QUI
 
 
VentureEU: 2,1 MILIARDI DI € PER STIMOLARE GLI INVESTIMENTI IN CAPITALE DI RISCHIO NELLE START-UP INNOVATIVE EUROPEE. BANDI IN CORSO DI PUBBLICAZIONE DA PARTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA E FONDO EUROPEO INVESTIMENTI
La Commissione e il FEI hanno annunciato la creazione di un programma paneuropeo di fondi di fondi di capitali di rischio (VentureEU) nell'ambito dell'Unione dei mercati dei capitali (CMU) e dell'iniziativa start-up e scale-up.
VentureEU offrirà nuove fonti di finanziamento, permettendo agli innovatori europei di trasformarsi in imprese leader a livello mondiale. Si stima a 1 500 il numero di start-up e scale-up che vi avranno accesso in tutta l'UE. L'UE fornirà investimenti cardine fino a 410 milioni di € comprendenti 67 milioni di risorse proprie del FEI, 200 milioni provenienti da Orizzonte 2020 (strumento InnovFin per il capitale), 105 milioni da COSME (il programma europeo per le piccole e medie imprese) e 105 milioni dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS).
Per maggiori informazioni: QUI
 

FAPI (Fondo Formazione PMI) AVVISO 1-2018: FINANZIAMENTO DI PIANI DI FORMAZIONE CONTINUA PER I LAVORATORI DI AGGREGAZIONI DI IMPRESE “PIANI QUADRO”
L’Avviso mira a supportare le imprese aggregate, finanziando interventi di sviluppo delle competenze dei lavoratori a sostegno della competitività e dell’innovazione, del lavoro e dell’occupazione
Nello specifico, il presente Avviso intende finanziare ‘gruppi’ di imprese iscritte al Fondo consentendo continuità e rapidità nell’uso del finanziamento e quindi nell’erogazione della formazione.
La disponibilità finanziaria del presente Avviso per la realizzazione dei Piani formativi ammonta a complessivi euro 2.500.000 così suddivisi (cfr. cap.2 del Bando):
a. euro 1.100.000 per finanziare RETI NUOVE di cui alla Linea A.
b. euro 1.100.000 per finanziare RETI GIÀ COSTITUITE di cui alla Linea B.
c. euro 300.000 per finanziare gli INCREMENTI DI RETE di cui alla Linea C
Le aziende della RETE devono risultare aderenti al FAPI al momento della presentazione della domanda di contributo. La presentazione delle Domande e dei relativi Piani di RETE e degli Incrementi è a sportello. La procedura di presentazione online sarà attiva dal 22/03/2018 ore 10.00.
Il presente Avviso verrà chiuso ad esaurimento risorse e comunque non oltre 20/12/2018 ore 15.00
Per maggiori informazioni: QUI


FAPI AVVISO 3-2018 FINANZIAMENTO A SPORTELLO DI PIANI DI FORMAZIONE CONTINUA PER LAVORATORI DI PMI E GRANDI IMPRESE “SPORTELLO IMPRESA”
Il bando mira a supportare le singole imprese (aderenti al FAPI) finanziando interventi di sviluppo delle competenze dei lavoratori a sostegno del lavoro e dell'occupazione, della competitività e dell'innovazione.
In particolare si finanzia la formazione delle imprese su 2 linee di azione:
A. piccole imprese (fino a 49 lavoratori);
B. medio-grandi imprese (dai 50 lavoratori).
Il presente Avviso stanzia a livello nazionale €2.500.000, così ripartiti:
1. € 1.500.000 per le piccole imprese;
2. € 1.000.000 per le medie-grandi imprese.
La presentazione delle domande e dei relativi Piani è a sportello fino a esaurimento risorse. La procedura di presentazione online sarà attiva dal 17 aprile 2018 al 20 dicembre 2018.
Per maggiori informazioni: QUI
 

BONUS E AGEVOLAZIONI FISCALI PER INTERVENTI DI SOSTEGNO AD ATTIVITÀ CULTURALI
ART BONUS consente un credito di imposta, pari al 65% dell’importo donato, a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano. Il credito d'imposta maturato deve essere comunque ripartito in tre quote annuali di pari importo. Su un apposito portale gestito dal MIBACT è possibile individuare una serie di interventi verso i quali indirizzare la donazione, dove è anche possibile consultare gli interventi previsti e il finanziamento totale necessario. Per quanto riguarda il Comune di Piombino è stata inserita l’Area Archeologica di Poggio del Molino a Populonia.
Maggiori informazioni: QUI
 
 

LE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE AGEVOLAZIONI/FINANZIAMENTI CONTENUTE NEL PRESENTE DOCUMENTO HANNO SOLO CARATTERE INFORMATIVO. SI INVITANO GLI INTERESSATI A FARE ESCLUSIVO RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA UFFICIALE E ALLE FONTI UFFICIALI DI PUBBLICAZIONE DEGLI AVVISI DI FINANZIAMENTO ACCEDENDO AI LINK INDICATI.

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

COMUNE DI PIOMBINO
Via Ferruccio, 4 - 57025 (Livorno) - Toscana - Tel. 0565/63111 - Fax 0565.63290 - P.IVA 00290280494 - IBAN IT 82 T 01030 70720 000004200020
Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali -  Posta Certificata: comunepiombino@postacert.toscana.it
Il portale del Comune di Piombino (LI) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Comune di Piombino è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it