Comune di Piombino

Fondo di Romualdo Cardarelli

Seguici sulla nostra pagina Facebook Seguici sul canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter Seguici su Instagram
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Media bordo
Immagine Piombino
Logo Comune di Piombino
Banner APP Comune di Piombino
eURP segnalazioni e richieste
Feed RSS
Piombino WiFi
Fondo di Romualdo Cardarelli
Home » Vivere Piombino » Archivio Storico » Patrimonio documentario » Fondo di Romualdo Cardarelli
media_bianco 4x4

 

Fondo di Romualdo Cardarelli

Carte di studio sec. XIII-XIX, c.a 26.000 unità documentarie raccolte in 218 buste. Inventario cartaceo. L’archivio di lavoro è composto da oltre ventimila carte, ordinate da Cardarelli in buste, ciascuna con il titolo originale apposto dallo studioso. Sono il prodotto dello spoglio di numerosi fondi, scaturito in raccolte organiche di trascrizioni, appunti, elaborati, riproduzioni, lucidi, stampe, foto, cartoline, opuscoli a stampa, con il metodo di lavoro dell’erudito, attento all’analisi approfondita e alla comparazione delle fonti.

Biblioteca: 4000 volumi. Catalogo a stampa e informatico.La biblioteca contiene libri antichi e rari, cinquecentine, edizioni di pregio. Tra le pagine si trovano glosse, correzioni, rimandi di pugno di Romualdo che ha generato nella biblioteca una sorta di legame archivistico che richiama a sua volta le sue carte di lavoro.

 

Romualdo Cardarelli ( 1886-1962).

Nato ad Alberese, intraprese giovanissimo il lavoro nelle ferrovie dello Stato per necessità. Questo non gli impedì, pure a costo di sacrifici, di laurearsi in lettere nel 1919 con una tesi su Baldaccio d’Anghiari e la Signoria di Piombino nel 1410-144, pubblicata nel 1922. Nel 1924 fondava con gli amici grossetani la Società Storica Maremmana e dirigeva dal 1924 al 1928 il bollettino della società, Maremma. Nel periodico confluiscono le sue prime pubblicazioni. In seguito, e con maggiore assiduità a partire dal 1931, quando lasciò il suo impiego nelle Ferrovie, collaborò con altre riviste di prestigio , come Studi Etruschi, organo dell’Istituto di Studi Etruschi e Italici, del quale fu membro ordinario fin dalla fondazione. Collaborò organicamente con Gioacchino Volpe nell’Archivio Storico di Corsica e nel Bollettino Storico Livornese; fu socio corrispondente della Deputazione di Storia Patria e della Società Storica Pisana. Le sue pubblicazioni principali si riferiscono alla storia dello Stato di Piombino, all’Elba, alla Corsica, alla topografia antica e medievale della Maremma, al sistema siderurgico toscano in età moderna.

Il suo progetto più ambizioso, rimasto incompiuto, è lo studio sui Presidi spagnoli in Italia. Della sua ricerca sistematica condotta in archivi e biblioteche in Italia e all’estero restano migliaia di documenti trascritti e commentati di proprio pugno.

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

COMUNE DI PIOMBINO
Via Ferruccio, 4 - 57025 (Livorno) - Toscana - Tel. 0565/63111 - Fax 0565.63290 - P.IVA 00290280494 - IBAN IT38K0200870722000401052853
Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali -  Posta Certificata: comunepiombino@postacert.toscana.it
Il portale del Comune di Piombino (LI) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Comune di Piombino è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it