Comune di Piombino

Archivio dell'Ospedale Civile di Piombino

Seguici sulla nostra pagina Facebook Seguici sul canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter Seguici su Instagram
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Media bordo
Immagine Piombino
Logo Comune di Piombino
Banner APP Comune di Piombino
eURP segnalazioni e richieste
Feed RSS
Piombino WiFi
Archivio dell'Ospedale Civile di Piombino
Home » Vivere Piombino » Archivio Storico » Patrimonio documentario » Archivio dell'Ospedale Civile di Piombino
media_bianco 4x4

Archivio dell’Ospedale Civile di Piombino, 1613-1973, 2000 unità. Inventario cartaceo

Lo Spedale della SS. Trinità poi Ospedale Civile di Piombino ebbe origine con un ricovero fatto edificare da Iacopo VI Appiani nel 1570, su un presidio ospedaliero di S. Trinità fondato tra 1448 e 1455. Il signore lo dotò dei beni delle corporazioni religiose e lo affidò ai frati di San Giovanni di Dio, che lo gestirono fino al 1806. La principessa Elisa Bonaparte Baciocchi avviò un progetto di costruzione di un nuovo ospedale, secondo la concezione di sanità pubblica che prevedeva strutture finalizzate alla cura dei malati, non più come ricoveri per poveri infermi. Per la nuova struttura, entrata in funzione nel 1810, furono modificati il convento di Santa Anastasia e la chiesa di S. Antimo sopra i CanalI.
Con l'annessione di Piombino al Granducato di Toscana, l'ospedale, che accoglieva soprattutto militari e lavoratori stagionali perlopiù affetti da malaria, nel 1833 fu qualificato come ospedale regio e venne amministrato da un rettore di nomina granducale. Nel 1869 il Comune, in base alla legge del 1862 sulle Opere Pie, lo affidò alla locale Congregazione di Carità. Alla fine dell'Ottocento il gigantesco processo di industrializzazione portò alla grande diffusione di malattie infettive e alla produzione di numerosissimi infortuni per le dure condizioni di lavoro. L'amministrazione socialista si impegnò particolarmente nel settore sanitario; nel 1905 nominò direttore sanitario Antonio Mori, che propose la costruzione di un nuovo ospedale, realizzato soltanto nel 1935 durante il regime fascista. Nel 1937, con la soppressione delle congregazioni di carità, l'amministrazione dell'ospedale passò all'Ente Comunale di Assistenza e nel 1938 a un consiglio di amministrazione.

Ripartizioni principali: Statuti, regolamenti, deliberazioni; Corrispondenza; Contabilità; Spedalità; Medicinali; Cibarie e spese diverse; Personale.

Biblioteca ed emeroteca annesse all’Archivio dell’ospedale, c.a. 5000 unità. Catalogo cartaceo.

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

COMUNE DI PIOMBINO
Via Ferruccio, 4 - 57025 (Livorno) - Toscana - Tel. 0565/63111 - Fax 0565.63290 - P.IVA 00290280494 - IBAN IT38K0200870722000401052853
Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali -  Posta Certificata: comunepiombino@postacert.toscana.it
Il portale del Comune di Piombino (LI) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Comune di Piombino è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it