COMUNE DI PIOMBINO

(Provincia di Livorno)

 

“ORDINE DEL GIORNO”

relativo ad eventuale ampliamento della Z.T.L.

approvato dal Consiglio Comunale

nella seduta straordinaria del 25 febbraio 2004

 

 

IL CONSIGLIO COMUNALE  DI  PIOMBINO

 

Considerando importante e qualificante la presenza e il mantenimento di un adeguato controllo di una zona a traffico limitato nel centro storico della città, in grado di qualificarlo come una zona pregiata dal punto di vista della qualità della vita dei cittadini, e dal punto di vista dell’offerta turistica e commerciale;

 

Ritenendo positiva la possibilità di un ampliamento dell’attuale ZTL, a partire dalla proposta avanzata dalla Circoscrizione Porta a Terra Desco, e da sperimentare con la necessaria gradualità, in un percorso concordato con le associazioni del Commercio e con i cittadini in particolare con quelli abitanti  del centro storico.

 

Richiamando inoltre l’attenzione sui  disagi che gli abitanti e le attività commerciali insite nella zona subiscono a causa dei lavori di ristrutturazione dell’Ospedale Vecchio, che di fatto vedono, per evidenti motivi di sicurezza, la chiusura al traffico della zona di Marina e di una parte di Via Cavour.

 

Evidenziando che qualunque ampliamento della zona a traffico limitato necessita di uno studio tecnico sulla mobilità e sul sistema dei parcheggi, al fine di dare adeguate garanzie e regolamentare l’accesso più puntualmente ai residenti e alle attività commerciali, creare adeguati servizi ai pedoni, coinvolgendo i vari soggetti interessati, le associazioni di categoria, i comitati di cittadini e singoli operatori.

CHIEDE ALLA GIUNTA

 

1)     di dare mandato agli uffici competenti di approntare le misure tecniche idonee a limitare i disagi ed eliminare gli eventuali rischi per la viabilità derivanti dai lavori in corso all’Ospedale Vecchio  ed in Viale del Popolo.

 

2)     di avviare un percorso di studio a ampia consultazione sull’ipotesi di eventuale allargamento della ZTL, in coerenza con gli approfondimenti e studi da effettuare anche ai fini della revisione del “Piano della mobilità” e dell’elaborazione del “Piano Particolareggiato della Costa Urbana”.