Comune di Piombino

Riciclo, bonifiche e riqualificazione ambientale In consiglio le linee strategiche di RIMateria

Seguici sulla nostra pagina Facebook Seguici sul canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter Seguici su Instagram
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Media bordo
Immagine Piombino
Logo Comune di Piombino
APEA Piombino
Variante urbanistica per il piano industriale AFER
Riqualificazione Ambientale e Produttiva del Polo
Piombinopportunità
Amministrazione Trasparente
Scrivi al comune
banner regolamento urbanistico
Protezione Civile
Allerta meteo
Alert System
Referendum 2017
banner bandiera blu 2016
Pelagos Santuario dei cetacei
banner qualità acqua
Risparmio idrico
banner qualita acqua
Rimozione forzata
Pulizia strade
Progetto sicurezza

Photogallery

Panorama da Piazza Bovio
Archivio immagini
Notizie dal Comune
Home » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati
media_bianco 4x4
lun 01 feb, 2016

rimateria
Riciclo, bonifiche e riqualificazione ambientale In consiglio le linee strategiche di RIMateria

Riqualificazione dell’area di discarica e recupero dei materiali presenti negli 800 ettari dell’area industriale (più di 2 milioni di tonnellate di rifiuti sopra terra). Valerio Caramassi, presidente di “Rimateria” ha illustrato in consiglio comunale gli obiettivi e le linee strategiche della nuova società che serviranno anche a ripianare il debito di Asiu.


«Abbiamo inaugurato da poco un nuovo servizio per la raccolta dei rifiuti urbani - ha detto il sindaco Giuliani nella sua introduzione - con il passaggio del servizio a nuova società, Sei Toscana, la settima per importanza in Toscana. La parte rimanente di Asiu confluirà in Rimateria, con l’obiettivo di completare l’operazione entro il 2016. un percorso che ci dà la possibilità di chiudere positivamente un ciclo. Dopo 150 anni di siderurgia stiamo pagando dei costi ambientali e oggi possiamo dare risposte importanti attraverso il riciclo di scorie e inerti, atraverso l’inertizzazione di engenti quantità di rifiuti».
“Rimateria infatti è una Spa - ha spiegato Caramassi - che fin dalla fine degli anni ’90 ha agito come TAP (Tecnologie ambientali pulite). La compagine societaria ha come azionista di riferimento Asiu spa (75,1%) e come azionista di minoranza Lucchini (24,9%). La società ha ed aveva come finalità la progettazione, realizzazione e gestione di impianti per il trattamento, recupero, riciclo e smaltimento in sicurezza dei rifiuti speciali e pericolosi (rifiuti urbani e derivanti da attività produttive insieme alla realizzazione di interventi di bonifica delle aree industriali e dei siti contaminati. Cerchiamo di fare pertanto quello che avrebbe dovuto fare Tap e che non è stato fatto.


Una buona parte della presentazione di Caramassi si è concentrata poi sulla questione del riciclo dei rifiuti speciali e pericolosi e sull’amianto in generale. I rifiuti pericolosi (ignorati), li abbiamo in casa - ha detto il presidente di RIMateria - dalle lavatrici ai solventi, agli olii, vernici detergenti farmaci e così via. L’amianto non fa eccezione ed è presente in circa 3.500 prodotti (assi da stiro, linoleum, asciugacapelli, pannelli acustici, termos...) Sono 40 milioni le tonnellate di amianto presenti in Italia, l’asbesto è presente in 2400 edifici scolastici italiani. Da un rapporto Inail emerge inoltre che nel territorio nazionale sono ancora presenti diversi milioni di tonnellate di amianto friabile in numerosi siti contaminati di tipo industriale e non, tanto pubblici quanto privati, quindi non dalle discariche. L’interramento pertanto non è il problema (Casale docet) ma è la soluzione.


Quali sono pertanto i prossimi passi di Rimateria, dopo la cessione di Asiu a SEI e la confluenza della parte restante di Asiu in Rimateria?
“Saranno messe in vendita quote societarie di Rimateria sul mercato del settore, con l’obiettivo di acquisire know how e conoscenze - ha spiegato Caramassi - La domanda potenziale del mercato infatti va ben oltre la linea di business relativa alla produzione del conglomix, unico oggetto sociale di Tap, per questo si rende necessario accrescere conoscenze e autorizzazioni sul versante della progettazione ed effettuazione delle bonifiche, anche di amianto, del riciclo di scorie e inerti, inertizzazione di rifiuti pericolosi ecc.
Stiamo elaborando il Piano industriale presentato alle banche per interloquire con il mercato finanziario e avere dei numeri fondati e validati. Sul fronte delle bonifiche è stato raggiunto un accordo con il ministero per la bonifica da fare sull’area LI53 all’interno del Sin dove insistono circa 900mila mc di materiali solo in parte riciclabili. L’unica area con progetto di bonifica cantierabile che potrebbe impiegare da subito 30 persone e per la quale sarebbe molto importante poter utilizzare una parte dei 50 milioni stanziata dal governo per le bonifiche del Sin.
Non è in programma alcun nuovo sito di discarica. E’ in programma invece una riqualificazione ambientale e paesaggistica delle discariche esistenti (Asiu e Lucchini) con ottimizzazione e utilizzo degli spazi esistenti. In termini di volumi complessivi si tratta di circa 1,6 milioni di mc da mettere a servizio di tutte le attività produttive della Val di Cornia per circa 12 anni. Si parla di 40 milioni di investimenti con una previsione di 50 posti di lavoro aggiuntivi.


Nella discussione che è seguita in consiglio comunale le opposizioni hanno evidenziato alcuni elementi di incongruenza. Per Daniele Pasquinelli del Movimento 5 Stelle è importante approfondire l’aspetto dell’impatto ambientale dei rifiuti pericolosi sul territorio. Dal punto di vista economico finanziario, invece, da chiarire l’impatto del debito di Asiu sui Comuni. Altre questioni e dubbi sono legati invece alle possibilità di sostenibilità del progetto presentato, nel caso in cui Aferpi non producesse scorie.
Per Gelichi di Ascolta Piombino le linee strategiche di Rimateria non rientrano tra i compiti dei Comuni che, in questa materia, devono occuparsi principalmente di raccolta dei rifiuti urbani e decoro della città. Tutto il resto spetta alle aziende private.


Una richiesta di conoscere i dettagli del piano industriale è arrivata invece da Fabrizio Callaioli di Rifondazione Comunista, che ha espresso preoccupazioni sull’alta percentuale delle quote dei privati nel progetto di RIMateria (75%) e sulle necessità di avere solide garanzie perchè il progetto stesso non confligga con le ragioni del pubblico interesse. Ha ricordato a questo proposito l’importanza della sicurezza sul lavoro, che ha sempre un costo e che deve essere debitamente tutelata. Dal punto di vista finanziario, ha richiesto inoltre un invito a convocare una commissione specifica in cui il presidente del collegio dei revisori dei conti di Asiu spieghi la genesi del buco di bilancio.


Per il PD è intervenuto il capogruppo Rinaldo Barsotti, il quale ha evidenziato la positività di questa nuova fase e di un rinnovato assetto organizzativo dal quale emerge una forte determinazione a portare avanti progetti innovativi, sulla base di quanto stabilito dalla legge. Barsotti ha ribadito che non c’è nessun nuovo sito di discarica nei programmi di RIMateria, ma un importante percorso di concertazione per la realizzazione delle bonifiche e per favorire nuova occupazione.

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

Sindaco
ven 15 dic, 2017
Si è svolto questa mattina nella sede di Rimateria un incontro tra i sindaci della Val di Cornia e il presidente dell’azienda Valerio Caramassi in merito ai gravissimi fatti che hanno coinvolto 16 aziende toscane e alcune discariche tra le ....
Chiarei
mar 05 dic, 2017
Continua la drammatica situazione dovuta all'abbandono di rifiuti ingombranti e non. Il fenomeno, segnale di grande inciviltà, sta assumendo proporzioni preoccupanti. “Stiamo parlando di migliaia di abbandoni con un trend che non accenna ....
Chiarei
ven 08 set, 2017
Respingiamo al mittente le accuse mosse da alcuni amministratori del Comune di Suvereto al Comune di Piombino e consideriamo strumentale il fatto che la mancata partecipazione a una riunione venga usata per attaccare Piombino, con una modalità ....
oilio esausto
mar 08 ago, 2017
Un servizio di raccolta e recupero di olio vegetale esausto di origine domestica. L'amministrazione comunale, su proposta dall'assessorato all'ambiente, ha aderito al progetto di raccolta differenziata di olio esausto presentato da Sei Toscana, avvalendosi ....
rimateria
gio 16 feb, 2017
Il sito industriale di Piombino è stato visitato martedì 14 febbraio dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti presieduta dall’onorevole Alessandro Bratti. La commissione rimarrà in Toscana fin al ....
sei toscana
mer 06 lug, 2016
Le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel hanno indetto su tutto il territorio nazionale due intere giornate di sciopero del comparto di igiene ambientale per lunedì 11 e martedì 12 luglio per il rinnovo del Contratto ....
tari
mer 18 mag, 2016
Nei prossimi giorni arriveranno a casa gli avvisi di pagamento della tariffa sui rifiuti (Tari) 2016, secondo le nuove tariffe approvate nel consiglio comunale del 27 aprile scorso. La Tari sarà emessa a copertura del piano finanziario sul servizio ....
decoro
ven 13 mag, 2016
Un’occasione per fare il punto sui progetti in corso, per coinvolgere il più possibile la cittadinanza e per raccogliere suggerimenti. Mercoledì 11 maggio alle 17 nell’auditorium del Centro Giovani è previsto un tavolo ....
sindaco
mar 26 apr, 2016
La politica dei rifiuti industriali, attuali e futuri, e le problematiche connesse a questo tema sono state oggetto di una riunione svoltasi martedì 19 aprile presso la sede della presidenza della Regione alla presenza del consigliere Gianfranco ....
menti pulite
lun 26 ott, 2015
Una giornata dedicata alla pulizia e alla cura dei luoghi della propria città, nel rispetto dell’ambiente e del decoro urbano. In continuità con il percorso avviato l’anno scorso, l’amministrazione comunale organizza la ....
foto guardie ambientali
mer 02 set, 2015
Deiezioni, rifiuti abbandonati, scritte sui muri. Il sindaco Massimo Giuliani ha firmato oggi il decreto con il quale istituisce a tutti gli effetti il servizio di guardie ambientali, dopo il corso di 20 ore effettuato dalla Polizia municipale. Un servizio ....
ven 17 lug, 2015
Presentato questa mattina dai sindaci Giuliani e Soffritti il nuovo consiglio di amministrazione di Asiu e Tap in una conferenza stampa che si è svolta nell’ufficio del sindaco di Piombino. Alla conferenza hanno partecipato il neo presidente ....
logo decoro ok
ven 12 giu, 2015
Continua il percorso avviato sul decoro urbano con il coinvolgimento di esercenti commerciali e ristoratori di parti diverse della città. Ieri pomeriggio, mercoledì 10 giugno, si è svolta la seconda riunione allargata agli esercenti ....
ven 05 giu, 2015
Continua il percorso avviato sul decoro urbano con il coinvolgimento di esercenti commerciali e ristoratori di parti diverse della città. Ieri pomeriggio, mercoledì 3 giugno, si è svolta la prima riunione allargata agli esercenti ....
consiglio comunale
mer 11 feb, 2015
E’ stata approvata dal consiglio comunale la delibera con la quale si mantiene ad Asiu per tutto il 2015 il compito di gestione, accertamento e riscossione della Tari, la tassa sui rifiuti. La delibera è stata presentata dall'assessore Francini ....
gio 18 lug, 2013
Sono perfettamente d’accordo con i rappresentanti locali e regionali di Legambiente sulla necessità di utilizzare il “conglomix”, materiale derivato dagli scarti industriali della Lucchini e prodotto da Tap per i lavori di ampliamento ....
gio 18 lug, 2013
Dopo il via libera concesso dalla Regione Toscana lo scorso giugno per il passaggio della gestione dei rifiuti dall’Ato Toscana Costa Livorno all’Ato Toscana Sud Siena Arezzo e Grosseto, oggi si è svolto il primo incontro ufficiale ....
ven 01 mar, 2013
Divieto di pubblicità tramite volantinaggio. Entra in vigore da venerdì 1 marzo, l’ordinanza della Polizia Municipale che vieta l’affissione di manifesti, volantini e depliant sui pali dell’illuminazione pubblica o della ....

Eventi correlati

sei
Luogo evento: Centro Giovani - Viale della Resistenza
Data: gio 21 gen, 2016
menti pulite
Luogo evento: Città
Dal 04-11-2015
al 08-11-2015
- Inizio della pagina -

COMUNE DI PIOMBINO
Via Ferruccio, 4 - 57025 (Livorno) - Toscana - Tel. 0565/63111 - Fax 0565.63290 - P.IVA 00290280494 - IBAN IT38K0200870722000401052853
Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali -  Posta Certificata: comunepiombino@postacert.toscana.it
Il portale del Comune di Piombino (LI) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Comune di Piombino è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it